Anestesia Epidurale

L'anestesia epidurale - o peridurale - consente a molte donne di affrontare il parto con una predisposizione psicologica più serena e di gestire efficacemente l'ansia legata alla paura del dolore.

featured image trend
featured image trend

condivisioni & piace a mamme

L'analgesia epidurale consiste in una anestesia loco-regionale dispensata mediante un sottile catetere posizionato all'altezza della zona lombare. La prassi ha inizio con la disinfezione della pelle e la somministrazione di un anestetico locale nella porzione interessata della colonna vertebrale. Segue l'inserimento dell'ago epidurale e del catetere, un tubicino della sezione pari a quella di un capello, il quale avrà la funzione di condurre l'anestetico direttamente all'ago inserito nello spazio fra il processo spinoso di una vertebra e l'altra. Il catetere consente di rabboccare la soluzione analgesica ogni qualvolta ve ne sia bisogno (una o due ore, in media) senza dover effettuare ulteriori punture. La procedura viene effettuata da un medico anestesista durante o all'inizio del travaglio, sulla partoriente disposta in posizione seduta. Molto spesso le donne temono il dolore connesso al posizionamento dell'ago epidurale e il cateterino. Tuttavia, essendo questa prassi preceduta da anestesia locale, la sofferenza è nulla. L'epidurale è da considerarsi, oggigiorno, una pratica sicura e priva di effetti collaterali significativi che si estendano oltre una leggera sensazione di prurito localizzata o, in una percentuale modesta dei casi, un persistente mal di testa detto cefalea ortostatica. Il parto con analgesia epidurale consente di eliminare l'aspetto doloroso degli spasmi uterini pur mantenendo intatta la sensazione della contrazione e permettendo, dunque, di percepire comunque lo stimolo alla spinta. Per poter usufruire dell'epidurale è necessario aver effettuato preventivamente una visita anestesiologica ed è consigliabile sottoporsi ad alcuni specifici esami del sangue nelle settimane che precedono il parto, affinché si abbia la certezza che i valori siano in ordine e si possa somministrare l'analgesia in piena sicurezza. Leggi le risposte dei nostri medici specialisti alle domande delle lettrici di GravidanzaOnline per sciogliere tutti i dubbi e scoprire nuove informazioni sull'anestesia epidurale.

Ginecologo

Pillola presa in ritardo di 30 minuti! Cosa può succedermi?

Buongiorno dottoressa, sabato 18.11.17 ho assunto la pillola con 20-30 min al massimo di ritardo dalle 12 ore e nei giorni seguenti l’ho assunta regolarmente! Volevo chiederle se c’è un grande rischio! Ho domandato al mio medico di base e mi ha detto che non è un grande problema, basta che non abbia rapporti nei […]

risponde
avatar

Dott.ssa Giovanna Marforio

Infettivologo

Infezione da Toxoplasmosi prima del concepimento

Sono rimasta incinta da circa 6 settimane, ultima data mestruazione risale al 7 ottobre, dopo visita ginecologica mi vengono richiesti alcuni esami tra cui la toxoplasmosi, dai risultati risulta questo: Toxo igg 191 ul/ml positivo maggiore di 8.8, Toxo igm BORDERLINE igg avidity 0,446 alta avidità range 0.200-0.299, Citomegalovirus igg 125 pos maggiore di 14 […]

risponde
avatar

Dott.ssa Giovanna Marforio