Mamme: cinque idee per lavorare da casa

Mamme: cinque idee per lavorare da casa

In inglese si chiamano Wham, Work at home moms, e sono l’esercito di mamme che pur stando in casa ad accudire i figli hanno una propria attività professionale, svolta appunto direttamente dal loro domicilio. Lavorare da casa non è sempre facile, specie se si hanno dei figli piccoli da seguire, ma per molte rappresenta il compromesso ideale tra realizzazione professionale e famiglia, oltre ad assicurare una certa indipendenza economica.

Ma come può fare una mamma in cerca di occupazione per cominciare a lavorare da casa? Ecco qualche idea da cui farsi ispirare.

Arte o artigianato
Gli oggetti artigianali sono sempre più ricercati dai consumatori, che ne apprezzano l’originalità e la possibilità di personalizzazione. Grazie alle vendite online e a speciali sistemi di tassazione, avviare un’attività di questo tipo è una strada scelta da moltissime mamme che desiderano lavorare da casa. Dalla bigiotteria alle borse, dagli indumenti alle bomboniere, non c’è che l’imbarazzo della scelta per chi ha una buona manualità e tanta inventiva. Chi ha fatto studi artistici, o possiede un certo talento per le arti, può darsi alla creazione di veri e propri capolavori, che incontreranno senz’altro l’approvazione del mercato.

Cake design o cucina
Chi ama cucinare o si diletta con l’alta pasticceria può trasformare la propria passione in un vero e proprio lavoro da casa, a patto di rispettare le norme vigenti in materia di conservazione e trasporto degli alimenti. Come per le produzioni artigianali, si può cominciare col passaparola e poi affidarsi al web per aumentare la clientela.

Telemarketing
Una delle più classiche attività per le mamme (e non solo) che vogliono lavorare da casa. Il lato negativo è che spesso lo stipendio fisso è molto basso, ma con le provvigioni si può riuscire, una volta ingranata l’attività, ad arrotondare abbastanza bene. Dai cosmetici alle stoviglie, passando per gli elettrodomestici, i settori in cui ci si può cimentare sono sempre più numerosi

Micronido
Chi ama i bambini e magari ha già una certa esperienza nel settore può informarsi presso gli enti locali competenti sulle credenziali necessarie per aprire un nido famiglia o un micronido. In questo modo, non solo ci si può garantire un’entrata fissa e una realizzazione professionale, ma anche dare una mano ad altre mamme che lavorano fuori casa, oltre a permettere ai propri figli di crescere a contatto con altri bambini.

Lavorare da casa al computer
Chi ha una competenza acquisita magari in anni di studi universitari e corsi professionalizzanti può cercare di metterla a frutto avviando un’attività professionale casalinga svolta al computer. Le possibilità sono diverse, e vanno dalla traduzione di testi di varia natura alla correzione di bozze, dall’attività di data entry alle ripetizioni via webcam. Come ogni lavoro autonomo, anche in questo caso ci saranno difficoltà da mettere in contro (procacciare i clienti, far saldare le fatture, rispettare le scadenze), ma la soddisfazione è assicurata.