Registrati alle settimane di gravidanza

L'esperto risponde

a cura di


La speciale rubrica “Gravidanza: l’esperto risponde”, si dedicherà con particolare attenzione alle varie problematiche che potranno insorgere nel rapporto tra maternità e lavoro (infortunio e maternità, mobbing e maternità, astensione dal lavoro obbligatoria e a rischio, malattia insorta nel periodo, ecc…) curando la parte giuridico normativa, ma non solo…

Questa rubrica, innovativa nel suo genere, vuole essere un punto di riferimento e di orientamento per le donne che, trovandosi in questa situazione, molto spesso devono affrontare la maternità parallelamente alle proprie esigenze lavorative.

Non mancate quindi di farci pervenire i vostri quesiti. Gli esperti dello staff di GravidanzaOnLine.it risponderanno alle domande.

Maternità non pagata

(27/07/2015 - 03:42)

Salve, sono in maternità ordinaria dal 18 giugno 2015, la data presunta del parto è il 13 settembre, purtroppo il mio datore di lavoro oltre a non avermi pagato le ultime tre mensilità non mi ha versato la maternità che mi spetta e non solo, in busta paga l'ha inserita e dichiarata all'inps. Ora sto sbattendo qua e là per capire come fare per averla, visto che per richiedere l'indennizzo diretto devo sperare che l'azienda fallisce. Spero in una vostra risposta e un consiglio anche eventualmente di tipo legale.

Lettera non firmata

Gentile sig.ra,
lei ha firmato le buste paga? Presumo di no, inoltre il datore di lavoro deve dimostrare di averle versato sia gli stipendi che la maternità, si rivolga da un avvocato che gli faccia arrivare una lettera di diffida. Cordialmente


Riduzione orario lavoro entro il primo anno del bambino

(24/07/2015 - 10:55)

Buongiorno, a settembre dovrò rientrare a lavoro dopo aver usufruito della maternità facoltativa e il mio datore di lavoro mi ha prospettato la possibilità di riduzione dell'orario di lavoro; ad oggi ho un contratto a tempo indeterminato full time e volevo sapere se ciò fosse possibile prima del compimento del primo anno di mio figlio. Grazie

Lettera non firmata

Gentile sig.ra,
solo il licenziamento è proibito prima dell'anno di età del bambino, tranne nei casi di giustificato motivo. Il ridimensionamento lavorativo comunque deve essere giustificato. Cordialmente


Maternità e settore alberghiero

(16/07/2015 - 19:41)

Salve, lavoro come segretaria in un hotel in Alto Adige con contratto a tempo determinato (CCNL) fino ad aprile 2015. Se rimanessi incinta prima dello scadere del contratto, a cosa avrei diritto? Maternità? E per quanto tempo? E trascorso il periodo potrei prendere ancora la disoccupazione? Grazie per la risposta.

Lettera non firmata

Gentile Sig.ra,
allo scadere del contratto, se dovesse essere incinta, lei avrà diritto alla maternità e al temine della maternità avrà la disoccupazione. Ricordi di fare la domanda di disoccupazione allo scadere del contratto. Cordialmente


Dimissioni da contratto sostituzione maternità

(16/07/2015 - 11:25)

Buongiorno, sono assunta con contratto di sostituzione maternità da novembre 2014. La data di scadenza non è espressa nel contratto in quanto quest'ultimo si intende risolto al rientro della gestante. La data di rientro (oltretutto comunicato più volte verbalmente dalla gestante) è il 30 luglio, ma ieri ha comunicato di voler proseguire l'assenza per qualche altro mese. Io ho già fatto altri progetti per agosto, dato che la tizia aveva assicurato il rientro in azienda, dunque sarò costretta a dare le dimissioni dopo il 30 luglio per poter lasciare il lavoro. Il datore di lavoro è già a conoscenza delle mie intenzioni, ma come mi devo comportare? È necessario un preavviso? Devo presentare una lettera per iscritto? Inoltre, visto la scadenza non indicata nel contratto, ed il termine del periodo di maternità obbligatoria, volevo sapere se c'è un modo che mi permetta di usufruire comunque del sussidio di disoccupazione. Grazie in anticipo

Lettera non firmata


Data proroga certificato interdizione anticipata maternità a rischio

(16/07/2015 - 11:08)

Buongiorno Avvocato, il 17 luglio mi scadrà il certificato di interdizione anticipata per maternità a rischio, e sono coperta fino a quel giorno la proroga pertanto dovrà essere dal 18 luglio in poi. Essendo il 18 luglio un sabato posso recarmi dal ginecologo il giorno 27 luglio (ovvero l'ultimo giorno della precedente interdizione) e facendomi il certificato con data 17 luglio avrà comunque validità per la proroga che va dal 18 luglio in poi o ci possono essere problemi, visto che il certificato riporta la data che si sovrappone alla precedente scadenza? Il ginecologo mi ha già anticipato che non ci sono problemi perché l'importante è che non vi siano buchi. È corretto? Grazie,

Alessandra

Gentile Alessandra,
come le ha detto il ginecologo non ci sono problemi se il certificato viene redatto prima dello scadere del termine e si sovrappone al periodo antecedente, il problema sorgerebbe se avesse dei giorni scoperti. Cordialmente


Scadenza contratto, poi maternità o disoccupazione?

(07/07/2015 - 16:52)

Buon pomeriggio, il mio contratto a tempo determinato iniziato il 01/07/2013 scadrà il 06/11/2015. La mia DPP è il 15/01/2016, pertanto dal 15/11/2015 sarei in maternità obbligatoria. Alla scadenza contratto mi spetteranno sia i 5 mesi di maternità, sia i 10 mesi di Naspi? Inoltre, la disoccupazione (se richiesta nei tempi previsti) decorre dall'ottavo giorno dal termine dell'attività lavorativa e quindi dal 14/11/2015: devo comunque fare domanda di disoccupazione seppure per un giorno? E poi dal 15/11/2015 la domanda di maternità all'INPS? Oppure considerata la coincidenza dei termini chiedo prima la maternità e al termine di questa la disoccupazione? Ringrazio anticipatamente. Saluti,

Lisa

Gentile Lisa,
deve fare domanda di disoccupazione che verrà sostituita dalla maternità per il periodo previsto e al termine della maternità riprenderà la disoccupazione. Ci sono dei tempi che vanno rispettati se non fa domanda di disoccupazione perché in maternità rischia di perdere la disoccupazione. Cordialmente


Maternità e contratto a termine

(29/06/2015 - 01:15)

Buonasera, ho 39 anni e sono mamma di una bimba che compie 3 mesi il prossimo 14 luglio. Lavoro in un'azienda con un contratto che mi scade il 14/08/2015 e mi hanno comunicato che allo scadere del contratto non ci sarà nessun rinnovo e che mi prepareranno una lettera da andare a firmare. La mia maternità obbligatoria scade il 30/07/2015 e vista la situazione volevo far domanda di maternità facoltativa. Usufruirò della facoltativa solo fino al 14/08/15 o fino all'anno della bimba? Non capisco perchè devo firmare una lettera se comunque il mio contratto ha una data di scadenza? Vi chiedo questo perchè più di qualcuno mi dice che anche se ho un contratto che mi scade, fino a che la bimba non compie 1 anno, non possono chiudere i rapporti. Se mi rispondete vi ringrazio.

Lettera non firmata

Gentile Sig.ra,
lei potrà usufruire della maternità facoltativa solo fino allo scadere del contratto, successivamente potrà ottenere solo la disoccupazione. Se il contratto è a tempo determinato, cessa al momento della scadenza prevista. È vietato il licenziamento nel primo anno di vita del bambino, ma non la cessazione di un contratto che ha una scadenza naturale. Bisogna vedere la lettera che deve firmare di che natura è. Cordialmente


Paura per il lavoro

(24/06/2015 - 11:13)

Salve, ho 28 anni e un contratto a tempo determinato con scadenza 30 settembre, mi hanno proposto al termine di questo contratto una sostituzione malattia nello stesso ente. Se dovessi rimanere incinta durante la sostituzione malattia, decade il contratto o ho diritto alla maternità (la sostituzione malattia prevista si dovrebbe protrarre per mesi)? Un'altra domanda: ho in ballo un concorso per posto a tempo indeterminato. Se dovessero chiamarmi durante una gravidanza, sono costretta a rinunciare? E quindi perdo diritto all'assunzione nonostante vincitrice di concorso e presente in graduatoria? Grazie anticipatamente, spero di essere stata in grado di spiegarmi. Cordiali saluti

Lettera non firmata

Gentile Sig.ra,
se dovesse rimanere incinta durante lo svolgimento di un lavoro, lei avrà diritto all'indennità di maternità anche anticipata, se dovesse essere necessario. Per quanto riguarda il concorso, essendo lei vincitrice dello stesso ed in graduatoria, non vi dovrà rinunciare, firmerà il contratto ed eventualmente continuerà la maternità per riprendere il lavoro al termine della maternità. Cordialmente


Contratto a TD e maternità anticipata

(18/06/2015 - 13:40)

Gentile Avvocato, lavoro come commessa in un negozio molto grande di abbigliamento. Ho un contratto di un mese con scadenza a fine giugno e mi hanno inviato la proroga del mio contratto dal 1 luglio al 30 settembre. Da poco tempo ho scoperto di essere incinta e vorrei aspettare di fare le analisi e la prima visita per comunicarlo al mio datore di lavoro. La mia domanda è la seguente: se comunicassi la mia gravidanza i primi giorni di luglio, cioè quando inizierebbe la proroga del mio contratto, potrei usufruire fino a fine contratto dei diritti sulla maternità come ad esempio riduzione dell’orario, cambio mansione o se l'azienda lo volesse visto che il lavoro è faticoso perché c'è sempre da alzare pesi, caricare merce e usare la scala potrebbe mettermi in maternità anticipata? Grazie in anticipo per la sua risposta.

Anna

Gentile Anna,
lei può comunicare il suo stato in qualsiasi momento, se il suo lavoro è considerato a rischio (vi è una tabella redatta dal ministero che indica i lavori a rischio o vi deve essere la valutazione dell'ispettorato del lavoro). Lei potrà usufruire della maternità anticipata con o senza l'approvazione del datore di lavoro. Cordialmente


Contratto a termine con interinale e gravidanza

(16/06/2015 - 18:46)

Buonasera, ho 26 anni. Lavoro da quasi 2 anni con interinale nella stessa azienda... sono alla 6 sett. di gravidanza e sono stata male, quindi ho preso xe ancora non l’ho comunicato una settimana in malattia. Il contratto mi scade il 30/06 e forse ormai non lo so più, vista la malattia, me lo rinnovano di 6 mesi, quindi sino a dicembre. Se non dovessero rinnovarmelo, mi spetta la maternità e disoccupazione tenendo conto che sono all’inizio?!! Entro quando dovrei comunicarlo all’agenzia interinale e all’azienda?!!! Possono lasciarmi a casa?!! Fatemi sapere, nessuno mi sa dare risposta. Grazie, Saluti

Lettera non firmata

Gentile Sig.ra,
non vi è nessun obbligo di rinnovo del contratto di lavoro, quindi alla scadenza dello stesso il datore può decidere di non rinnovarlo. Se non dovesse avere un rinnovo del contratto, faccia domanda di disoccupazione e quindi poi potrà chiedere la maternità, che andrà a sostituire la disoccupazione per il periodo necessario. Cordialmente


Contratto a progetto in scadenza durante gravidanza

(15/06/2015 - 12:29)

Buongiorno, ho un contratto a progetto che mi scadrà a fine anno, il 31 dicembre 2015 per la precisione. La data presunta del parto è il 23 novembre. So che avrei diritto a 180 giorni di maternità, ma stando bene e svolgendo un lavoro non a rischio, vorrei lavorare fino all'ultimo. A fine dicembre però, con il contratto che scade, non ricevo nemmeno la maternità, oppure ho qualche indennizzo? Grazie mille

Lettera non firmata

Gentile Sig.ra,
poiché il lavoro a progetto è gestibile autonomamente dal prestatore, significa che lo stesso può sospendere il lavoro e riprenderlo quando vuole, quindi lei può tranquillamente svolgere le sue mansioni quando vuole. Per la maternità bisogna vedere la sua posizione assicurativa, se allo scadere del termine contrattuale avrà diritto alla disoccupazione, allora potrà richiedere anche la maternità, che andrà a sostituire la disoccupazione che riprenderà al termine della maternità. Cordialmente


Preavviso prolungamento maternità al datore di lavoro

(09/06/2015 - 16:36)

Buonasera, nel caso in cui si decida di prolungare la maternità obbligatoria dopo il terzo mese di vita del bambino, quale è il preavviso da dare al datore di lavoro? Tramite quali documenti? Quali sono le percentuali di retribuzione e il massimo tempo di cui si può usufruire? Ringrazio

Lettera non firmata

Gentile Sig.ra,
dopo il terzo mese di vita del bambino non vi è più la maternità obbligatoria, ma solo quella facoltativa, e va comunicata con la stessa prassi della maternità obbligatoria. Cordialmente


Maternità anticipata durante naspi

(08/06/2015 - 23:47)

Buonasera, sono percettrice di naspi e ho scoperto da poco di essere incinta. Causa precedente aborto potrei fare le carte per la maternità anticipata. Mi conferma che anche in disoccupazione viene pagata la maternità indipendentemente dalla data dell'ultimo giorno lavorativo?

Lettera non firmata

Gentile Sig.ra,
nel momento in cui la donna percepisce la disoccupazione, ha diritto alla maternità che va a sostituire la disoccupazione per il periodo necessario. Cordialmente


Ho un contratto di un mese. Potrei lo stesso chiedere la maternità??

(02/06/2015 - 23:50)

Salve, volevo un' informazione: lavoro in ospedale come donna delle pulizie, mi hanno detto quando ho fatto il colloquio che in caso di gravidanza si sta a casa dal primo giorno che lo si scopre di essere incinte!! La mia domanda è: ho un contratto di un mese, mi scade a luglio, potrei lo stesso chiedere la maternità??

Lettera non firmata

Gentile Sig.ra,
lei avrà diritto alla maternità se ha raggiunto i requisiti previsti per legge. Cordialmente


Maternità a rischio: ispettorato o inps?

(30/05/2015 - 21:32)

Buonasera, sono assunta in un asilo privato con contratto a tempo indeterminato. Sono incinta e, lavorando nel settore da anni, so che il mio lavoro è considerato a rischio; il mio datore di lavoro non lo reputa tale tant'è che voleva farmi lavorare. Sia CAF che INPS mi hanno detto che solo un ginecologo può attestare il rischio di una maternità indipendentemente dal lavoro e che l'ispettorato non è più interessato...Ora sono in maternità anticipata tramite provvedimento di interdizione anticipata grazie a dei certificati dell'ASL che certificano minacce d'aborto quindi non sto lavorando dalla quinta settimana di gestazione. Per quanto riguarda lavoro a rischio so che la maternità al 100% è protratta fino al 7' mese del bambino e non al 3'; come faccio per ottenere questo? Mi devo recare all'ispettorato del lavoro? Ad agosto entrerò in maternità obbligatoria e lo farò tramite CAF che inoltrerà la domanda all'INPS, potrei inoltre sapere fino a quando è possibile protrarre la maternità e le percentuali di retribuzione previste? Ringrazio anticipatamente

Lettera non firmata

Gentile sig.ra,
deve fare domanda all'INPS per il riconoscimento della maternità a rischio per luogo di lavoro, sarà poi l'INPS a delegare all'ispettorato del lavoro. La maternità viene pagata al 100% indipendentemente se a rischio o meno, se è previsto dal contratto di lavoro perché in questo caso l'80% è a carico dell'INPS mentre il restante 20% a carico del datore di lavoro. Inoltre, solo per alcune categorie di lavoro è previsto il prolungamento obbligatorio della maternità fino al 7° mese del bambino ed i lavori in cui è previsto ciò sono elencati in una tabella apposita redatta dal ministero del lavoro. Cordialmente


Assunzione durante il periodi di congedo obbligatorio dal lavoro

(30/05/2015 - 12:49)

Salve, sono un medico alla 33° settimana di gestazione. Sono iscritta in una graduatoria per contratti a tempo determinato e sono prossima ala chiamata. Vorrei capire se, in caso di chiamata nel periodo che va dai 2 mesi prima ai 3 mesi dopo la nascita del piccolo, potrei comunque firmare un eventuale contratto e quali sarebbero i miei diritti relativamente alla maternità. Avrei comunque diritto ad una maternità retribuita?

Lettera non firmata

Nel momento in cui la chiameranno e stipulerà il contratto avrà diritto alla maternità per il periodo previsto se comunque godrà dei requisiti previsti dall'INPS per accedere alla maternità, cioè almeno un tot numero di mesi di lavoro con contestuale versamento degli oneri assicurativi. Cordialmente


Diritti derivanti da contratto a tempo determinato e a tempo parziale in scadenza

(30/05/2015 - 08:29)

Buongiorno! Lavoro in un nido del Trentino Alto Adige e quindi faccio un lavoro considerato a rischio in caso di gravidanza. Ho un contratto di lavoro a tempo determinato ed a tempo parziale che fa riferimento per il trattamento economico e normativo al CCNL ed al CCPL per le cooperative sociali. La stipula del contratto è avvenuta per sostituzione maternità ed ha validità fino al rientro della collega (che per quest'anno educativo ormai in chiusura non rientra) e comunque non oltre il 31 luglio. Non sono incinta. Se cominciassi una gravidanza entro la scadenza del contratto o entro i 60 giorni dopo la scadenza, quali diritti mi spettano? Ringrazio in anticipo per eventuale risposta.

Lettera non firmata

Gentile sig.ra,
se alla scadenza del contratto, avendo fatto la domanda per l'indennità di disoccupazione, le verrà concessa la disoccupazione, una volta incinta potrà chiedere la maternità che le verrà erogata al posto della disoccupazione, che verrà sospesa per il tempo necessario per poi riprendere al termine della maternità. Cordialmente


Fivet programmata l'ultimo mese di scadenza contratto

(24/05/2015 - 15:23)

Salve, ho il contratto di lavoro iniziato il 18 novembre 2014 che scade il 30 giugno e una fivet programmata per metà Giugno. Mi hanno detto che per legge mi smettano 3 settimane in tot tra il periodo della stimolazione e il post transfer... e poi in automatico, se le cose vanno bene, dalla malattia attraverso il certificato medico diventa congedo per maternità. Sono però molto dubbiosa. Avendo un contratto in scadenza e non è in effetti ben chiaro come muovermi e cosa mi spetta di diritto. Dovrò fare comunque domanda di disoccupazione alla scadenza? O sono obbligata a rientrare anche dopo la scadenza del contratto per recuperare i giorni di malattia? Come mi consigliate di procedere?

Lettera non firmata

Gentile Signora,
se il contratto di lavoro scade il 30/6, Le conviene presentare domanda per ottenere l'assegno di disoccupazione. Se la procedura di fivet andrà, come Le auguro, a buon fine presenterà entro 180 giorni dalla cessazione del contratto di lavoro, domanda per l'indennità di maternità. Cordiali saluti.


Si può frequentare un corso durante la maternità a rischio?

(23/05/2015 - 19:21)

Salve, lavoro come operatrice in una struttura sanitaria. Sono alla ricerca del primo figlio ed ho iniziato la procreazione medicalmente assistita. A breve inizierò un corso di formazione per diventare oss. La mia domanda è questa! Nel caso dovessi rimanere incinta inizierò la maternità a rischio, potrei comunque frequentare il corso????

Lettera non firmata

Gentile Sig.ra,
la gravidanza a rischio non è una malattia, quindi non ha gli stessi impedimenti della malattia, pertanto un conto è il lavoro ed un conto è la frequenza di corsi di tipo scolastico. Cordialmente


Lavoro a tempo determinato e maternità

(23/05/2015 - 19:06)

Buonasera, io da oltre 8 anni lavoro a tempo determinato per la stessa azienda, sono la seconda nella lista di assunzione e sono incinta di 18 settimane. L'azienda ne è informata, poiché al momento sono fuori contratto e non potrei comunque rientrare per un nuovo contratto, poiché non posso svolgere il mio lavoro in stato di gravidanza. Volevo sapere, se decidessero di assumere, possono saltarmi e assumere la persona che per anzianità viene dopo di me o devono tenere comunque conto della mia posizione nella lista e assumermi per mettermi in maternità? Ringrazio anticipatamente

Francesca

Gentile Francesca,
se il periodo di maternità obbligatoria iniziasse entro 60 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro, avrà diritto all'indennità di maternità, che Le verrà corrisposta direttamente dall'Inps. È comunque prevista una tutela a favore della lavoratrice madre, ancorché il contratto di lavoro sia cessato. Qualora il periodo di maternità obbligatoria iniziasse entro 180 giorni dalla cessazione del contratto, avrà diritto all'indennità di maternità purché si trovi già in godimento dell'assegno di disoccupazione. Cordiali saluti.