Registrati alle settimane di gravidanza

L'esperto risponde

a cura di


La speciale rubrica “Gravidanza: l’esperto risponde”, si dedicherà con particolare attenzione alle varie problematiche che potranno insorgere nel rapporto tra maternità e lavoro (infortunio e maternità, mobbing e maternità, astensione dal lavoro obbligatoria e a rischio, malattia insorta nel periodo, ecc…) curando la parte giuridico normativa, ma non solo…

Questa rubrica, innovativa nel suo genere, vuole essere un punto di riferimento e di orientamento per le donne che, trovandosi in questa situazione, molto spesso devono affrontare la maternità parallelamente alle proprie esigenze lavorative.

Non mancate quindi di farci pervenire i vostri quesiti. Gli esperti dello staff di GravidanzaOnLine.it risponderanno alle domande.

Chiusura partita iva in corso di gravidanza

(27/08/2015 - 12:07)

Buongiorno, sono al 7 mese di gravidanza, fino al 31 luglio 2015 ero socia in una società SNC che si occupava di gestire un asilo nido, questo a partire dal settembre del 2012, per motivi di carattere finanziario abbiamo chiuso al 31 luglio 2015 la partita iva con domanda ufficiale pervenuta all'Inps in data 4-8-2015 e cancellata con effetto dal 13-8-2015. Dato il regolare pagamento negli scorsi anni e con ultimo versamento in data 20-8 all'INPS, la mia domanda è questa: posso in qualche modo percepire qualcosa dall'ente o dallo stato per la maternità? E se sì in che modo? Oppure ove ciò non fosse possibile, essendo al momento disoccupata posso fare richiesta di qualche tipo di assegno o di aiuto economico da parte di enti o statali? Grazie per l'attenzione, spero di essere stata chiara nel porre la domanda.

Lettera non firmata

Gentile Sig.ra,
in genere per le partite IVA nulla è previsto alla chiusura della stessa. È necessario vedere come socia di snc quale tipo di contributo assicurativo versava all'INPS e di quali diritti può beneficiare perché, ad esempio, se fosse stata lavoratrice dipendente, avrebbe potuto fare richiesta di disoccupazione e poi richiedere la maternità che avrebbe sostituito la disoccupazione per il periodo necessario. Nel caso in cui nel suo piano assicurativo è compresa una forma di disoccupazione, potrebbe accedere all'indennità di maternità. In caso non fosse prevista la disoccupazione e quindi la maternità, aiuti economici possono essere stati previsti dal suo Comune di appartenenza, quindi dovrebbe informarsi presso le istituzioni locali, poiché ogni Regione o Provincia o Comune gestisce come meglio crede i fondi e le risorse a disposizione. Cordialmente


Contratto e maternità anticipata

(30/07/2015 - 15:57)

Buon pomeriggio, il mio contratto è a progetto da quasi 1 anno e mezzo con scadenza il 31 ottobre 2015, dal 20 luglio sono a casa con certificato del mio ginecologo per problemi (minacce di aborto) fino al 18 agosto per il tempo della terapia. Se il problema continua e quindi sono sempre a rischio cosa ne sarà del mio lavoro??? Possono chiudermi il contratto a fine ottobre??? Ho portato il certificato all'asl di competenza che ha inviato il tutto in via telematica all'inps (sono iscritta alla gestione separata), dopo quanto tempo mi invia la ricevuta l'inps? Ringrazio in anticipo per la risposta e la vostra disponibilità.

Lettera non firmata

Gentile Sig.ra,
i contratti a progetto danno ampio margine di gestione al lavoratore che può decidere come e quando svolgere lo stesso, dovrebbe poter continuare il lavoro anche dopo la scadenza se non ha provveduto a portarlo a termine. Cordialmente


Maternità anticipata e naspi

(30/07/2015 - 14:25)

Salve, avevo un contratto a termine, dal 17/03/15 al 17/06/15, nel frattempo sono rimasta incinta e a partire dal 14/05/15 sono rimasta a casa in maternità anticipata per problemi di salute. Ho fatto richiesta di maternità anticipata che è stata accettata e pagata fino al termine del contratto dal datore di lavoro. Scaduto il contratto mi spetta naspi o maternità fino a tre mesi dopo il parto? Data presunta del parto 12/11/15. Grazie

Lettera non firmata

Gentile sig.ra,
deve comunque presentare domanda per la disoccupazione, la quale verrà sostituita dalla maternità o solo per il periodo dei 2 mesi antecedenti al parto e per i 3 successivi o, se la maternità anticipata è dipesa da motivi di salute, potrà usufruirne da subito. Cordialmente


Maternità, contratto a progetto, indennità di disoccupazione

(29/07/2015 - 10:38)

Gentili avvocati, vi scrivo per avere dei chiarimenti riguardo la mia posizione lavorativa. Ho un contratto a progetto da febbraio 2015 con scadenza 31/12/2015, al momento lavoro da casa a seguito di qualche problema con la gravidanza (tra cui una minaccia d'aborto). Il mio datore di lavoro è ovviamente informato dello stato di gravidanza. La data prevista per il parto oscilla tra la seconda metà di novembre e la prima di dicembre. Se ho capito bene, c'è la sospensione del contratto per 180 giorni che corrisponde più o meno all'indennità di maternità (la maternità è però di 2+3 mesi, giusto?). All'INPS dovrò comunicare i 180 giorni o i 2+3 mesi? Se al termine dei 180 giorni non rientrassi a lavoro perchè con un contratto a progetto non ho diritto né ad allattamento (quando lavoravo in ufficio, il mio orario era 9-18) né a maternità facoltativa, avrei diritto all'indennità di disoccupazione? Vi ringrazio per l'attenzione.

Emanuela

Gentile Emanuela,
il periodo di maternità va da 2 mesi prima della dpp a 3 mesi dopo il parto, quindi lei il calcolo per i 2 mesi antecedenti li deve calcolare dalla dpp che sicuramente conosce. Per ciò che concerne la disoccupazione, è necessario vedere se i contributi versati sono sufficienti perchè la stessa le venga riconosciuta, quindi dovrebbe rivolgersi all'INPS per sapere il suo stato contributivo. Cordialmente


Maternità anticipata educatrice e cambio contratto

(28/07/2015 - 18:42)

Buongiorno, ho una domanda da porvi! Lavoro presso una scuola materna paritaria con il ruolo di educatrice... da contratto dovrei essere già a casa in congedo di maternità anticipata da molto tempo ma la mia presidente, non essendo competente, e io essendo alla mia prima gravidanza, mi sono fidata di lei, sono a casa in malattia dal 15/6/2015! Ora quasi tutte le carte sono pronte per chiedere il congedo di maternità, ed entro martedì prossimo verrà inviato e la risposta dovrebbe arrivare entro una settimana massimo due settimane! Ora arriva il mio dubbio, ad aprile 2015 mi è stato fatto firmare un contratto di riduzione di orario lavorativo da 29 a 15 ore settimanali in vigore dal 1 settembre 2015! La mia domanda è la seguente: il mio assegno di maternità sarà calcolato sul vecchio contratto tenendo conto degli ultimi tre stipendi percepiti oppure dal 1 settembre verrà calcolato in base al nuovo contratto?? Mi sono state date diverse informazioni: la prima mi è stata data dall'inps dicendo che l'assegno verrà calcolato sull'ultimo stipendio senza malattia (quindi quello di maggio), la seconda dal sindacato dicendo che verrà calcolato sugli ultimi tre stipendi percepiti, ma oggi ha ritrattato dicendo che non è sicuro per via del nuovo contratto in vigore dal 1 settembre!!! Voi sapete dirmi qual è la versione esatta, dato che la differenza economica è molto differente? Spero di poter ricevere una risposta definitiva e di essere stata abbastanza chiara su questa situazione che sembra non essere veritiera! In attesa di risposta porgo distinti saluti!!

Lettera non firmata

Gentile Sig.ra,
poiché il nuovo contratto non è ancora in vigore, ma entrerà in vigore dal 1° settembre e poiché lei non ha ancora percepito lo stipendio con il nuovo contratto, l'indennità di maternità le verrà calcolata sulla base degli ultimi stipendi percepiti e non percipiendi. Cordialmente


Naspi: se resto incinta i mesi di disoccupazione non percepiti andranno persi!?

(27/07/2015 - 17:55)

Salve, da marzo 2015 sono in Naspi fino a dicembre, io e mio marito desideriamo tanto un figlio, sopratutto dopo aver perso il primo a seguito di un aborto spontaneo. Volevo sapere nel caso di maternità come mi devo comportare? Considerando anche il fatto che la mia sarebbe gravidanza a rischio, visto la mia passata esperienza... e se resto incinta prima di dicembre, i mesi di disoccupazione non percepiti andranno persi...??? Vi ringrazio molto

Lettera non firmata

Gentile Sig.ra,
se dovesse rimanere incinta faccia domanda di maternità, la quale indennità andrà a sostituire per il tempo necessario la disoccupazione per poi riprendere per i mesi rimasti al termine della maternità obbligatoria. Cordialmente


Maternità con vari contratti a tempo determinato...

(27/07/2015 - 14:42)

Buongiorno, sono un cantante lirica e mi hanno convocato con un contratto a tempo determinato da settembre a gennaio. La mia dpp è 6 gennaio 2016. Io vorrei lavorare fino al 18 dicembre, è possibile? O devo per forza richiedere la maternità dal 6 dicembre? E se lo devo richiedere dal 6 dicembre, potrei ancora lavorare dal 10-18 dicembre con un altro ente che non paga la maternità?

Lettera non firmata

Gentile Sig.ra,
è facoltà della donna di richiedere la maternità anche un mese prima della dpp "recuperando" il mese durante il periodo post parto. Quindi lei potrà tranquillamente chiedere la maternità un mese prima del parto. Cordialmente


Maternità non pagata

(27/07/2015 - 03:42)

Salve, sono in maternità ordinaria dal 18 giugno 2015, la data presunta del parto è il 13 settembre, purtroppo il mio datore di lavoro oltre a non avermi pagato le ultime tre mensilità non mi ha versato la maternità che mi spetta e non solo, in busta paga l'ha inserita e dichiarata all'inps. Ora sto sbattendo qua e là per capire come fare per averla, visto che per richiedere l'indennizzo diretto devo sperare che l'azienda fallisce. Spero in una vostra risposta e un consiglio anche eventualmente di tipo legale.

Lettera non firmata

Gentile sig.ra,
lei ha firmato le buste paga? Presumo di no, inoltre il datore di lavoro deve dimostrare di averle versato sia gli stipendi che la maternità, si rivolga da un avvocato che gli faccia arrivare una lettera di diffida. Cordialmente


Riduzione orario lavoro entro il primo anno del bambino

(24/07/2015 - 10:55)

Buongiorno, a settembre dovrò rientrare a lavoro dopo aver usufruito della maternità facoltativa e il mio datore di lavoro mi ha prospettato la possibilità di riduzione dell'orario di lavoro; ad oggi ho un contratto a tempo indeterminato full time e volevo sapere se ciò fosse possibile prima del compimento del primo anno di mio figlio. Grazie

Lettera non firmata

Gentile sig.ra,
solo il licenziamento è proibito prima dell'anno di età del bambino, tranne nei casi di giustificato motivo. Il ridimensionamento lavorativo comunque deve essere giustificato. Cordialmente


Maternità e settore alberghiero

(16/07/2015 - 19:41)

Salve, lavoro come segretaria in un hotel in Alto Adige con contratto a tempo determinato (CCNL) fino ad aprile 2015. Se rimanessi incinta prima dello scadere del contratto, a cosa avrei diritto? Maternità? E per quanto tempo? E trascorso il periodo potrei prendere ancora la disoccupazione? Grazie per la risposta.

Lettera non firmata

Gentile Sig.ra,
allo scadere del contratto, se dovesse essere incinta, lei avrà diritto alla maternità e al temine della maternità avrà la disoccupazione. Ricordi di fare la domanda di disoccupazione allo scadere del contratto. Cordialmente


Dimissioni da contratto sostituzione maternità

(16/07/2015 - 11:25)

Buongiorno, sono assunta con contratto di sostituzione maternità da novembre 2014. La data di scadenza non è espressa nel contratto in quanto quest'ultimo si intende risolto al rientro della gestante. La data di rientro (oltretutto comunicato più volte verbalmente dalla gestante) è il 30 luglio, ma ieri ha comunicato di voler proseguire l'assenza per qualche altro mese. Io ho già fatto altri progetti per agosto, dato che la tizia aveva assicurato il rientro in azienda, dunque sarò costretta a dare le dimissioni dopo il 30 luglio per poter lasciare il lavoro. Il datore di lavoro è già a conoscenza delle mie intenzioni, ma come mi devo comportare? È necessario un preavviso? Devo presentare una lettera per iscritto? Inoltre, visto la scadenza non indicata nel contratto, ed il termine del periodo di maternità obbligatoria, volevo sapere se c'è un modo che mi permetta di usufruire comunque del sussidio di disoccupazione. Grazie in anticipo

Lettera non firmata

Gentile Sig.ra,
l'unico modo per usufruire dell'indennità di disoccupazione è quello di essere licenziata, quindi se i suoi progetti per agosto sono rimandabili, continui il lavoro e aspetti la scadenza naturale. Cordialmente


Data proroga certificato interdizione anticipata maternità a rischio

(16/07/2015 - 11:08)

Buongiorno Avvocato, il 17 luglio mi scadrà il certificato di interdizione anticipata per maternità a rischio, e sono coperta fino a quel giorno la proroga pertanto dovrà essere dal 18 luglio in poi. Essendo il 18 luglio un sabato posso recarmi dal ginecologo il giorno 27 luglio (ovvero l'ultimo giorno della precedente interdizione) e facendomi il certificato con data 17 luglio avrà comunque validità per la proroga che va dal 18 luglio in poi o ci possono essere problemi, visto che il certificato riporta la data che si sovrappone alla precedente scadenza? Il ginecologo mi ha già anticipato che non ci sono problemi perché l'importante è che non vi siano buchi. È corretto? Grazie,

Alessandra

Gentile Alessandra,
come le ha detto il ginecologo non ci sono problemi se il certificato viene redatto prima dello scadere del termine e si sovrappone al periodo antecedente, il problema sorgerebbe se avesse dei giorni scoperti. Cordialmente


Scadenza contratto, poi maternità o disoccupazione?

(07/07/2015 - 16:52)

Buon pomeriggio, il mio contratto a tempo determinato iniziato il 01/07/2013 scadrà il 06/11/2015. La mia DPP è il 15/01/2016, pertanto dal 15/11/2015 sarei in maternità obbligatoria. Alla scadenza contratto mi spetteranno sia i 5 mesi di maternità, sia i 10 mesi di Naspi? Inoltre, la disoccupazione (se richiesta nei tempi previsti) decorre dall'ottavo giorno dal termine dell'attività lavorativa e quindi dal 14/11/2015: devo comunque fare domanda di disoccupazione seppure per un giorno? E poi dal 15/11/2015 la domanda di maternità all'INPS? Oppure considerata la coincidenza dei termini chiedo prima la maternità e al termine di questa la disoccupazione? Ringrazio anticipatamente. Saluti,

Lisa

Gentile Lisa,
deve fare domanda di disoccupazione che verrà sostituita dalla maternità per il periodo previsto e al termine della maternità riprenderà la disoccupazione. Ci sono dei tempi che vanno rispettati se non fa domanda di disoccupazione perché in maternità rischia di perdere la disoccupazione. Cordialmente


Maternità e contratto a termine

(29/06/2015 - 01:15)

Buonasera, ho 39 anni e sono mamma di una bimba che compie 3 mesi il prossimo 14 luglio. Lavoro in un'azienda con un contratto che mi scade il 14/08/2015 e mi hanno comunicato che allo scadere del contratto non ci sarà nessun rinnovo e che mi prepareranno una lettera da andare a firmare. La mia maternità obbligatoria scade il 30/07/2015 e vista la situazione volevo far domanda di maternità facoltativa. Usufruirò della facoltativa solo fino al 14/08/15 o fino all'anno della bimba? Non capisco perchè devo firmare una lettera se comunque il mio contratto ha una data di scadenza? Vi chiedo questo perchè più di qualcuno mi dice che anche se ho un contratto che mi scade, fino a che la bimba non compie 1 anno, non possono chiudere i rapporti. Se mi rispondete vi ringrazio.

Lettera non firmata

Gentile Sig.ra,
lei potrà usufruire della maternità facoltativa solo fino allo scadere del contratto, successivamente potrà ottenere solo la disoccupazione. Se il contratto è a tempo determinato, cessa al momento della scadenza prevista. È vietato il licenziamento nel primo anno di vita del bambino, ma non la cessazione di un contratto che ha una scadenza naturale. Bisogna vedere la lettera che deve firmare di che natura è. Cordialmente


Paura per il lavoro

(24/06/2015 - 11:13)

Salve, ho 28 anni e un contratto a tempo determinato con scadenza 30 settembre, mi hanno proposto al termine di questo contratto una sostituzione malattia nello stesso ente. Se dovessi rimanere incinta durante la sostituzione malattia, decade il contratto o ho diritto alla maternità (la sostituzione malattia prevista si dovrebbe protrarre per mesi)? Un'altra domanda: ho in ballo un concorso per posto a tempo indeterminato. Se dovessero chiamarmi durante una gravidanza, sono costretta a rinunciare? E quindi perdo diritto all'assunzione nonostante vincitrice di concorso e presente in graduatoria? Grazie anticipatamente, spero di essere stata in grado di spiegarmi. Cordiali saluti

Lettera non firmata

Gentile Sig.ra,
se dovesse rimanere incinta durante lo svolgimento di un lavoro, lei avrà diritto all'indennità di maternità anche anticipata, se dovesse essere necessario. Per quanto riguarda il concorso, essendo lei vincitrice dello stesso ed in graduatoria, non vi dovrà rinunciare, firmerà il contratto ed eventualmente continuerà la maternità per riprendere il lavoro al termine della maternità. Cordialmente


Contratto a TD e maternità anticipata

(18/06/2015 - 13:40)

Gentile Avvocato, lavoro come commessa in un negozio molto grande di abbigliamento. Ho un contratto di un mese con scadenza a fine giugno e mi hanno inviato la proroga del mio contratto dal 1 luglio al 30 settembre. Da poco tempo ho scoperto di essere incinta e vorrei aspettare di fare le analisi e la prima visita per comunicarlo al mio datore di lavoro. La mia domanda è la seguente: se comunicassi la mia gravidanza i primi giorni di luglio, cioè quando inizierebbe la proroga del mio contratto, potrei usufruire fino a fine contratto dei diritti sulla maternità come ad esempio riduzione dell’orario, cambio mansione o se l'azienda lo volesse visto che il lavoro è faticoso perché c'è sempre da alzare pesi, caricare merce e usare la scala potrebbe mettermi in maternità anticipata? Grazie in anticipo per la sua risposta.

Anna

Gentile Anna,
lei può comunicare il suo stato in qualsiasi momento, se il suo lavoro è considerato a rischio (vi è una tabella redatta dal ministero che indica i lavori a rischio o vi deve essere la valutazione dell'ispettorato del lavoro). Lei potrà usufruire della maternità anticipata con o senza l'approvazione del datore di lavoro. Cordialmente


Contratto a termine con interinale e gravidanza

(16/06/2015 - 18:46)

Buonasera, ho 26 anni. Lavoro da quasi 2 anni con interinale nella stessa azienda... sono alla 6 sett. di gravidanza e sono stata male, quindi ho preso xe ancora non l’ho comunicato una settimana in malattia. Il contratto mi scade il 30/06 e forse ormai non lo so più, vista la malattia, me lo rinnovano di 6 mesi, quindi sino a dicembre. Se non dovessero rinnovarmelo, mi spetta la maternità e disoccupazione tenendo conto che sono all’inizio?!! Entro quando dovrei comunicarlo all’agenzia interinale e all’azienda?!!! Possono lasciarmi a casa?!! Fatemi sapere, nessuno mi sa dare risposta. Grazie, Saluti

Lettera non firmata

Gentile Sig.ra,
non vi è nessun obbligo di rinnovo del contratto di lavoro, quindi alla scadenza dello stesso il datore può decidere di non rinnovarlo. Se non dovesse avere un rinnovo del contratto, faccia domanda di disoccupazione e quindi poi potrà chiedere la maternità, che andrà a sostituire la disoccupazione per il periodo necessario. Cordialmente


Contratto a progetto in scadenza durante gravidanza

(15/06/2015 - 12:29)

Buongiorno, ho un contratto a progetto che mi scadrà a fine anno, il 31 dicembre 2015 per la precisione. La data presunta del parto è il 23 novembre. So che avrei diritto a 180 giorni di maternità, ma stando bene e svolgendo un lavoro non a rischio, vorrei lavorare fino all'ultimo. A fine dicembre però, con il contratto che scade, non ricevo nemmeno la maternità, oppure ho qualche indennizzo? Grazie mille

Lettera non firmata

Gentile Sig.ra,
poiché il lavoro a progetto è gestibile autonomamente dal prestatore, significa che lo stesso può sospendere il lavoro e riprenderlo quando vuole, quindi lei può tranquillamente svolgere le sue mansioni quando vuole. Per la maternità bisogna vedere la sua posizione assicurativa, se allo scadere del termine contrattuale avrà diritto alla disoccupazione, allora potrà richiedere anche la maternità, che andrà a sostituire la disoccupazione che riprenderà al termine della maternità. Cordialmente


Preavviso prolungamento maternità al datore di lavoro

(09/06/2015 - 16:36)

Buonasera, nel caso in cui si decida di prolungare la maternità obbligatoria dopo il terzo mese di vita del bambino, quale è il preavviso da dare al datore di lavoro? Tramite quali documenti? Quali sono le percentuali di retribuzione e il massimo tempo di cui si può usufruire? Ringrazio

Lettera non firmata

Gentile Sig.ra,
dopo il terzo mese di vita del bambino non vi è più la maternità obbligatoria, ma solo quella facoltativa, e va comunicata con la stessa prassi della maternità obbligatoria. Cordialmente


Maternità anticipata durante naspi

(08/06/2015 - 23:47)

Buonasera, sono percettrice di naspi e ho scoperto da poco di essere incinta. Causa precedente aborto potrei fare le carte per la maternità anticipata. Mi conferma che anche in disoccupazione viene pagata la maternità indipendentemente dalla data dell'ultimo giorno lavorativo?

Lettera non firmata

Gentile Sig.ra,
nel momento in cui la donna percepisce la disoccupazione, ha diritto alla maternità che va a sostituire la disoccupazione per il periodo necessario. Cordialmente