Royal Baby, anche la Regina non ne può più

Royal Baby, anche la Regina non ne può più: "Si sbrighi! Avrei intenzione di andare in vacanza".
Royal Baby, anche la Regina non ne può più

È passato un altro giorno e del Royal baby non vi sono tracce, tanto che anche Sua Maestà, la Regina Elisabetta II, sembrerebbe aver perso la pazienza.

È di ieri infatti la notizia di una bambina inglese di 10 anni, che incontrando la sovrana britannica durante una cerimonia nel Lake District, le chiede se preferirebbe che a Kate, la moglie del principe William, nascesse un maschio o una femminuccia. E la regina, senza colpo ferire le risponde così: “Non ha importanza. Però vorrei che arrivasse in fretta, avrei intenzione di andare in vacanza“.

Il suo commento spontaneo, sicuramente scherzoso, è stato captato dai microfoni dei giornalisti al seguito e in men che non si dica è diventato la notizia di apertura dei notiziari e del sito della Bbc. In un certo senso è anche giustificato: riflette un sentimento generale dell’intero Regno britannico.

L’attesa del “royal baby” dura infatti da nove mesi, cioè da quando Kate ha annunciato di essere in attesa di un bebè. Da settimane i giornalisti assediano il St. Mary’s Hospital, dove Buckingham Palace ha reso noto che avverrà il parto. Palazzo reale non ha mai fornito la data precisa, ma ha parlato di “metà luglio”: le indiscrezioni davano per certo il 13 luglio, ma il 13 è passato, il 14 anche, il 15 ovvero la metà del mese pure, siamo arrivati al 18 e del bebè ancora nessuna traccia…

Speriamo che nasca entro questo fine settimana”, aveva detto Camilla ieri l’altro, dando già per prima l’impressione che, oltre alla voglia di far festa, ci fosse anche quella di partire per le ferie, lasciando Londra e un caldo insolito per l’Inghilterra.

Ma, scherzi a parte, oggi sono giunte le parole della Regina a confermare quello che tanti pensano: tutti stanchi di aspettare il bebè reale.

Certo, il Regno Unito si prepara a celebrare il lieto evento, anche perché il “piccolo principe” o la “piccola principessa” porterà al paese un indotto da 250 milioni di sterline, 300 milioni di euro, fra souvenir, turismo e festeggiamenti vari.

L’attesa sta diventando un vero e proprio tormentone, nonché snervante, tanto che nel fatidico momento in cui il Principe William annuncerà trionfante al mondo intero la nascita del principino o della principessina, con un sontuoso: “È nato!!”, verrebbe voglia di esclamare: “E allora???!!!”