In arrivo il ‘pillolo’, il contraccettivo tutto al maschile

In arrivo il ‘pillolo’, il contraccettivo tutto al maschile

Dimetandrolone undecanoato, o meglio Dmau, uno degli obiettivi più inseguiti dalla scienza: il cosiddetto “pillolo“, un contraccettivo maschile, sicuro ed efficace nell’evitare gravidanze indesiderate, che si assume per via orale una sola volta al giorno.

Il farmaco, che associa l’azione di un androgeno e di un progestinico, per il momento ancora in fase di sperimentazione, sembrerebbe funzionare, in base a quanto emerge da uno studio statunitense effettuato su 83 uomini e presentato alla vigilia della Festa del Papà a Chicago, dove si svolge Endo 2018, 100esimo meeting annuale dell’Endocrine Society.

I risultati sono promettenti, li definirei senza precedenti” ha dichiarato l’autrice dello studio Stephanie Page, docente di medicina all’Università di Washington a Seattle.

Lo studio, portato avanti tra lo University of Washington Medical Center e la California University, ha reclutato 100 uomini sani di età compresa fra i 18 e i 50 anni, 83 dei quali hanno completato lo studio. Questi per 28 giorni hanno assunto quotidianamente una dose massima testata, pari a 400 milligrammi di Dmau: dalle analisi effettuate alla fine della sperimentazione si è evidenziata “una marcata soppressione” dei livelli di testosterone e di due ormoni necessari alla produzione di spermatozoi.

In tutti gli uomini sono stati registrati un lieve aumento di peso e una leggera riduzione dei livelli di colesterolo ‘buono’ Hdl. Superati infine i test di sicurezza, compresi quelli che valutavano le funzioni epatica e renale.

Studi a lungo termine sono attualmente in corso – precisa l’esperta – per verificare che Dmau, preso quotidianamente, riesca effettivamente a bloccare la produzione di sperma“. I progressi della ricerca sul pillolo, ricorda l’autrice, sono stati ostacolati perché formulazioni orali di testosterone possono causare infiammazioni al fegato e vengono smaltite dall’organismo troppo rapidamente per permettere un dosaggio giornaliero, richiedendo due assunzioni al giorno. L’efficacia di Dmau starebbe invece nell’undecanoato, un acido grasso a lunga catena che secondo gli scienziati rallenterebbe il metabolismo del farmaco, permettendogli appunto di agire una volta al giorno.

Dmau rappresenta un importante passo avanti verso il pillolo – è convinta Page -. Molti uomini preferiscono un prodotto simile, da assumere per via orale una volta al giorno e con effetto reversibile, piuttosto che iniezioni o gel topici a lunga durata d’azione, anch’essi allo studio“.