Raschiamento o attesa?

Gentile dottore, ho un problema.
Ho due pareri medici... il 20 novembre 2002 ho fatto una interruzione di gravidanza,il 10 dicembre ho avuto una specie di emorragia, ma prendendo il metergin me l'ha completamente bloccata, il 30 dicembre ho avuto un ciclo mestruale (almeno così sembrava visto che da quando ho fatto l'interruzione ho sempre avuto piccolissime perdite rosa), 10 gennaio 2003 un flusso abbondante durato circa un ora, poi si è interrotto da solo, il 15 gennaio ho smesso anche di avere quelle piccole perdite rosa che mi hanno accompagnata da quel giorno (premetto che non sporcavo per farle capire la quantità, neppure un salvaslip al giorno), il 19 gennaio hanno ripreso le perdite rosa, e oggi 21 gennaio sono marroni... secondo i miei calcoli dovrei essere a pochi giorni dal ciclo, infatti ho tutti i sintomi. Il mio problema è questo: un ginecologo dice che dovrei fare un raschiamento, mentre l'altro dice che è solo questione di tempo perché i cicli ormonali hanno bisogno di rimettersi a posto. Ho fatto tutte le analisi e non si vede nulla di anomalo... cosa mi consiglia? La prego, per me è molto importante, anche perché non so più a chi credere... attendo con ansia una sua risposta, grazie infinite

Gentile signora Laura,
se l’unico disturbo da lei accusato è questa modesta perdita, in assenza di dolori e di un significativo rialzo termico e, alla visita, l’utero è ben involuto (ossia di forma e consistenza regolare), affermerei che la strada dell’attesa è quella più giusta. Cordiali saluti.