Puntina di ernia…

Buongiorno,
ho 27 anni e sono alla 18° settimana di gravidanza (U.M. 7/12/2002), ho un paio di dubbi che mi attanagliano da ieri, quando ho effettuato la visita
di controllo presso il mio ginecologo. Ho un dolore nel basso ventre a destra, più precisamente nella zona inguinale, ed il dottore ha detto che potrebbe essere una puntina di
ernia, ma é difficile diagnosticarla con certezza visto che oltre alla palpazione altri esami tipo raggi ecc. non li può fare. Mi ha prescritto molto
riposo, di stare tranquilla e non fare sforzi. Può bastare? Non é che dovrò subire un intervento una volta partorito? Dovrò partorire col cesareo per evitare lo sforzo? Inoltre sono miope e, con mio profondo rammarico, mi ha sconsigliato di allattare perché la vista potrebbe calare e di molto. È fondata questa affermazione? Vi ringrazio anticipatamente per la risposta.

Gentile Alessandra,
i dati che mi fornisce sono insufficienti per accertare se i dolori siano
dovuti effettivamente ad un'ernia inguinale o ad altro. Se i dolori
dovessero divenire più intensi e/o insopportabili, faccia una visita
specialistica chirurgica: credo sia sufficiente per una diagnosi
differenziale fra ernia inguinale e appendicite. Talvolta anche un
varicocele pelvico, che tende a peggiorare in gravidanza, può giustificare
tali dolori. Riposo e tranquillità in genere sono i primi rimedi, talvolta
in grado di risolvere totalmente questi fastidi e quindi ascolti i consigli
del suo ginecologo. È prematuro parlare già da ora di taglio cesareo, visto
che una diagnosi non è stata ancora fatta. La miopia può peggiorare in
gravidanza, col parto o in allattamento, solo se ad etiopatogenesi
degenerativa, mentre una comune miopia ereditaria normalmente è irrilevante.
Chieda lumi all'oculista. Cordiali saluti