Perdita ematica e stipsi

Gentile dottore,

sono all'inizio della 12° settimana di gravidanza (ultima mestruazione 7 novembre), a seguito di piccole perdite marroncine, verificatesi in più riprese, ho già fatto una ecografia il 12 gennaio,
che ha rivelato il battito cardiaco ed una situazione normale del feto. È una settimana che ho cominciato ad avere problemi di stipsi e 2 giorni fa, nel tentativo di scaricare, ho avuto una perdita di sangue dalla vagina di modesta quantità. Questa notte, sempre in relazione ad un tentativo di scaricare, ho avuto un'altra perdita di sangue, di quantità abbastanza significativa, color rosso vivo. Preciso che è stata associata a tentativo di scaricare e che oggi ho avuto piccole perdite marroncine, quasi residuali. Non vi è associazione di dolori. Il ginecologo ha suggerito di anticipare la ecografia ma non mi ha fornito alcuna interpretazione rispetto alla perdita. Sono molto preoccupata e vorrei capire se tale perdita è indice sicuro che è avvenuto un aborto spontaneo, una semplice minaccia o se può essere semplicemente connessa alla stipsi. Grazie mille.

Gentile signora Lorena,

è giusta la strada indicata dal ginecologo: anticipare un’ecografia, che potrà chiarire molti dubbi. Non penso vi sia relazione tra i disturbi da lei accusati e la stipsi. Piccole perdite potrebbero essere indice dei fenomeni che accompagnano la locazione definitiva della placenta, che appunto avviene attorno alla dodicesima settimana. Cordiali saluti ed auguri.