Fecondazione assistita

Gentile dottoressa, ho 38 anni, nel mese di marzo mi sono sottoposta ad una fecondazione assistita con ICSI a causa di oligospermia di mio marito. Mi sono stati trasferiti 3 embrioni, ma purtroppo non hanno attecchito. Ho sopportato bene il trattamento ormonale e non avuto disturbi, le vorrei chiedere fra quanti mesi potrò sottopormi al prossimo trattamento e se gli ormoni che vengono somministrati per la stimolazione e produzione di
ovociti possono avere conseguenze negative per la salute. Grazie.

Gentile Signora Edna,
il trattamento ormonale al quale è stata sottoposta per la ICSI ha un
effetto molto mirato a carico solo delle ovaie e non ha grosse ripercussioni
a livello fisico generale. Grossi lavori di revisione della letteratura
hanno ormai smentito che queste terapie protratte per lungo tempo possano
aumentare il rischio di neoplasie.
Certo è che si tratta comunque di farmaci che non è bene assumere tutti i
mesi di seguito per non sovraccaricare di lavoro soprattutto il fegato. In
genere il nostro consiglio è di aspettare almeno un paio di mestruazioni
spontanee tra un tentativo e l'altro.
Cordiali saluti,