È ancora possibile curare la clamidia ed evitare l’intervento?

Egregio Dottore,
Le invio in allegato la mia storia medica relativa ad infezione da clamidia e Le pongo i seguenti quesiti: secondo Lei è ancora possibile curare la clamidia ed eventualmente evitare l'intervento?
Se si, quali altre cure specialistiche potrei adottare dato che le precedenti hanno avuto esito negativo? Quali sono gli esami più indicati da fare per conoscere il "livello" dell'infezione (per me e mio marito)? Effettuata la salpingectomia sx, sono certa di eliminare tutta la clamidia o potrei essere ancora infetta? Se sarò ancora infetta quali complicanze potrebbero insorgere? Ringrazio anticipatamente per la gentile attenzione

Gentile Signora,

la mia impressione è che ormai la situazione sia stabile e non vi sia più una infezione attiva e che anche un intervento in presenza della semplice idrosalpinge non sarà necessario.