Dovrei fare degli esami prima di riprovare per un’altra gravidanza?

Nel marzo del 2002 ho avuto un aborto interno, ho iniziato ad avere perdite abbondanti di sangue rosso vivo con grumi che sono durate cinque giorni prima della perdita del bambino. L'esame istologico ha trovato soltanto "chiarificazione ghiandolare tipo arias stella e rari villi coriali". Il mio ginecologo ha detto che questo era normale con un aborto. Il 05/10/02 sono rimasta incinta e al 09/10 ho avuto una piccolissima perdita di sangue. Per quasi due settimane dopo non c'erano più perdite di sangue, ma con la prima ecografia 13/10, non si vedeva ancora il sacco. Nel frattempo il mio ginecologo mi faceva un ecografia una volta alla settimana per vedere l'andamento della gravidanza e si vedeva dal 18/10 che il sacco c'era, ma che non c'era l'embrione. Facevo gli esami dell'HCG-Beta ogni tre giorni per vedere i valori e continuavano a salire bene, soltanto che poi ho cominciato ad avere pesante perdite di sangue. Infine l’ho perso il 03/12/02 (aborto spontaneo). Purtroppo l'ospedale ha buttato via tutto il materiale che stavo tenendo nella padella, così non c'era più niente da vedere nell'esame istologico. Il mio ginecologo dopo la visita di controllo (dopo 40 giorni) ha detto che non c'è bisogno di fare dell'esami per capire il motivo, ma di provare ancora dopo la seconda mestruazione. Vi chiedo gentilmente un consiglio, se secondo Voi dovrei fare degli esami prima di riprovare per un'altra gravidanza o se dovrei riprovare e sperare che le altre due erano soltanto sfortuna. Se per Voi dovrei fare degli esami, Vi chiedo gentilmente di dirmi quali. Vi ringrazio anticipatamente per il Vostro aiuto.

Gentile signora Sophia,
da come scrive e da come s’esprime, penso sia straniera. In ogni modo ho compreso il suo problema. Prima di tutto, l’interruzione di gravidanza non dipende da una sorta di “Roulette Russa” ma sempre ne vanno, nei limiti del possibile, accertate le cause. Nel suo caso, tra gli altri esami possibili, consiglierei la ricerca degli autoanticorpi, che qualsiasi valido specialista le saprà indicare. Auguri.