CMV: quando fare il test?

Gentile Dottore,

cercando una gravidanza ho fatto una visita dal ginecologo il quale mi ha prescritto tra gli esami da fare il complesso TORCH, ma mi sono accorta che il mio medico della mutua non mi ha prescritto il cytomegalovirus. Purtroppo me ne sono accorta quando avevo già fatto il prelievo del sangue, è meglio vedere l'esito prima di una gravidanza o posso aspettare di fare questo esame quando sarò incinta? Grazie se mi potrà rispondere

Gentile Anna,
secondo alcuni Autori il cytomegalovirus non andrebbe screenato, per vari motivi. La presenza di immunità non dà la garanzia che una nuova infezione non dia problemi al feto. Ma anche in assenza di immunità preesistente, una volta riconosciuta una eventuale nuova infezione nel corso della gravidanza non abbiamo armi contro di essa ed è difficile dimostrare che l'infezione abbia colpito il feto e, in questo caso, che il feto riporti esiti o sequele; alcune speranze di disporre di un test utile vengono dalla PCR quantitativa sul liquido amniotico. Insomma continuiamo a chiedere il test per il cytomegalovirus, ma di fronte alle positività o ai risultati dubbi, che abbondano, gli operatori rimangono spesso spaesati, esprimendo giudizi contrastanti che generano nelle pazienti un senso generale di sconforto e incertezza (faccia un salto alle pagine del sito piene di queste domande). Il test è insomma utile solo se negativo. Ma anche questo la riporta al punto di partenza. Mi dispiace, ma è mia opinione che, faccia o no il test, non cambia nulla. Cordiali saluti.