Cistite acuta: rischio un parto prematuro?

Gentile dottore,

sono alla fine della 29a settimana. Un mese fa ho avuto un attacco di cistite acuta e il mio ginecologo, per evitare il rischio di pielonefrite, mi ha prescritto subito (senza urinocoltura) una cura antibiotica (Augmentin) per 6 giorni; in realtà, già dopo poche ore dalla prima assunzione, i dolori sono cessati. Dopo una settimana dalla cura ho fatto l'urinocoltura e i risultati (ritirati ieri) sono: Enterococco fecalis 100.000 ufc/ml (sensibile all'Augmentin). Come mai l'infezione non è passata? Probabilmente prima ho curato un'infezione causata da un altro batterio? Come si prende questo tipo di infezione? Il mio ginecologo mi ha prescritto nuovamente l'Augmentin per altri 6 giorni. La mia preoccupazione è: ci sono rischi per la bambina? Rischio un parto prematuro? Curando con l'antibiotico elimino ogni rischio?

Gentile Giuliana,

la carica batterica non è di quelle preoccupanti, ottima comunque la cura. Successivamente beva abbondantemente e mantenga l'intestino regolato. Non ritengo vi siano motivi di seria preoccupazione. Auguri