featured image

Pulizia dei denti e fluoro

La pulizia dei denti (ma anche delle gengive ancora prive) dovrebbe essere effettuata almeno due volta al giorno o meglio ancora dopo l’assunzione di ogni pasto. In modo schematico possiamo suggerire: dalla nascita fino all’anno di vita di pulire le gengive ed i dentini delicatamente con una garza umida; da 1 a 4 anni è meglio iniziare, e poi incoraggiare, l’uso dello spazzolino aggiungendo un dentifricio fluorato quando il bambino sarà  in grado di sciacquare la bocca; dopo i 4 anni favorire la pulizia autonoma prima sotto la guida di un genitore e poi con la responsabilizzazione in prima persona del bambino.

È meglio cominciare, come sempre, facendo capire al bambino che si tratta di un gioco (e certamente NON pretenderemmo un adeguato “spazzolamento” dei denti da un bambino piccolo), ma un gioco utile in quanto almeno determina un contatto fra un dentifricio al fluoro ed i denti (gengiva) e quindi una azione locale di questo elemento. Ma attenzione, non usare un dentifricio fluorato prima che il bambino abbia imparato a “sputare”, per i problemi che vedremo tra poco.

La somministrazione per via orale di fluoro risulta molto importante per una protezione-prevenzione dei denti in formazione. Ci sono studi, nazionali ed internazionali, che indicano come la profilassi con fluoro per via orale vada iniziata già  in gravidanza, a partire dal IV mese. Inoltre ci sono studi che indicano anche l’azione preventiva del fluoro per via orale durante l’allattamento esclusivo al seno.

Prima di ogni prescrizione e somministrazione (o addirittura di autoprescrizione ed autosomministrazione) è necessario conoscere il contenuto di fluoro nell’acqua che abitualmente si beve (rubinetto o bottiglia). Bisogna tenere sempre presente, quando si parla di fluoro, anche delle abitudini alimentari che si hanno. Infatti, alimenti quali il pesce azzurro o bevande quali il the sono ricchi in fluoro. Tutte queste precauzioni sono dovute, al solo scopo di evitare il rischio di fluorosi dentale (una alterazione del colore dello smalto che può variare dal marrone al bianco), anche se bisogna dire che il rischio maggiore di tale patologia deriva principalmente dall’ingestione di dentifrici fluorati. Quindi massima attenzione da parte dei genitori ad utilizzare questi prodotti prima che il bambino sia in grado di “sputare” dopo aver sciacquato la bocca. 

Dicevamo che bisogna tener presente il contenuto di fluoro dell’acqua che usiamo per bere. Un contenuto superiore a 0,7 ppm (parti x milione) identifica un’acqua come “fluorata” e se si usa un’acqua con questo contenuto di fluoro, non c’è bisogno di integrare con fluoro per via orale. Se l’acqua che usiamo abitualmente ha un contenuto in fluoro inferiore a 3 ppm allora bisogna integrare il fluoro secondo lo schema seguente: 0,25 mg fino a 3 anni, 0,50 mg da 3 a 8 anni, 1 mg da 8 a 12 anni, 1 mg durante la gravidanza e l’allattamento. La formazione dei denti inizia a livello embrionale. Per avere effetto le pastiglie devono essere prese almeno 250 giorni l’anno.

condivisioni & piace a mamme