“L’acrania è davvero una fatalità?”