Maternità co.co.co. in scadenza

Salve il mio quesito è il seguente: lavoro come ostetrica presso un
ospedale pubblico con contratto cococo dal 12/4/2010 con scadenza il
31/12/2010. A causa della tipologia del lavoro, ho ricevuto
l'autorizzazione dalla direzione provinciale del lavoro dal 14/12/2010 al
periodo di interdizione obbligatoria dal lavoro pre-parto.
Le mie domande sono:
il contratto in scadenza avrà una proroga di 180 giorni secondo la legge
Biagi? Se si, devo presentare qualche domanda al datore di lavoro?
Devo informare l'inps per ricevere un sussidio o durante la maternità
anticipata spetta al datore di lavoro?
Sentiti ringraziamenti

Gentile Giulia, per le co.co.co. valgono, tra le altre, le seguenti regole: il
divieto di adibire al lavoro le donne è anticipato a tre mesi dalla data
presunta del parto quando le lavoratrici sono occupate in lavori che, in
relazione all'avanzato stato di gravidanza, siano da ritenersi gravosi o
pregiudizievoli. Tali lavori sono determinati con propri decreti dal
Ministro per il lavoro e la previdenza sociale; il servizio ispettivo del Ministero del lavoro può disporre, sulla base di
accertamento medico, avvalendosi dei competenti organi del Servizio
sanitario nazionale l'interdizione dal lavoro delle lavoratrici in stato di
gravidanza anticipatamente rispetto al periodo di congedo di maternità
obbligatorio, per uno o più periodi, la cui durata sarà determinata dal
servizio stesso. Le lavoratrici a progetto (e categorie assimilate) tenute
ad astenersi anticipatamente dal lavoro ai sensi di quanto sopra hanno
diritto: alla proroga del rapporto di collaborazione per un periodo di 180
giorni, salva più favorevole disposizione del contratto individuale; a un’indennità
di maternità anche per il periodo di astensione anticipata dal lavoro. Per
maggiori delucidazioni, comunque, può rivolgersi all'Inps o a sindacato di
categoria. Cordiali saluti.