Le settimane in cui si è in maternità servono per l’ottenimento dell’assegno di disoccupazione?

Buongiorno, sono Oriana e vorrei esporVi il mio caso.
Lavoro stagionalmente in albergo e l'anno scorso sono rimasta incinta.
La mia ginecologa ha ritenuto opportuno mandarmi in maternità a rischio
per diverse ragioni che non sto qui ad elencarVi.
Il contratto lavorativo scadeva il 30 settembre 2010 e ho iniziato la
maternità a rischio il 13 dello stesso mese.
Il datore di lavoro mi ha pagata fino al 30 settembre e poi non
rinnovandomi il contratto per l'ulteriore mese e mezzo che mancava per la
chiusura dell'albergo ha iniziato a pagarmi l'Inps.
Considerate che la data prevista per il parto era il 4 aprile 2010 e che
quindi la maternità a rischio è finita il 4 febbraio 2010 e da quel
momento fino al 4 luglio 2010 sono entrata nei 5 mesi di maternità
obbligatoria.
L'Inps mi ha dunque pagata fino al 4 luglio.
Due giorni dopo ho presentato all' Inps domanda di disoccupazione
ordinaria ma me la son vista rifiutare perchè dicono che dal 4 luglio
2008
e il 4 luglio 2010 ho 48 settimane contributive anziché 52.
In pratica mi hanno calcolato le settimane utili fino al 4 febbraio 2010
quando cioè ho finito la maternità a rischio.....
La mia domanda è dunque la seguente:le settimane di maternità
obbligatoria
non fanno cumulo per l'ottenimento dell'assegno di disoccupazione
ordinaria?Sarebbe un peccato perché me ne mancherebbero solo 4!!!!
RingraziandoVi anticipatamente per la Vostra gentile risposta Vi porgo i
più
Cordiali saluti.

Gentile sig.ra Oriana, il periodo di astensione obbligatoria è considerato
utile agli effetti della maturazione dell'anzianità di servizio, con tutto ciò
che questo comporta. Per tanto nel caso di astensione obbligatoria il relativo
periodo deve essere computato nell'anzianità di servizio maturando
regolarmente ferie, tredicesime, quattordicesime, scatti di anzianità ed altri
istituti la cui maturazione è collegata dalla legge al decorso dell'anzianità.
Cordialmente