Incompatibilità di sangue

Gentile dottore, ho 38 anni e sono entrata nel terzo mese della mia seconda gravidanza, tra me e mio marito però c'è incompatibilità di sangue, Io sono Rh- lui invece Rh+. Il nostro primo figlio è Rh+, in questa seconda gravidanza nonostante l'immunoprofilassi fattami dopo il parto, mi sono rimasti degli anticorpi della prima gravidanza. Sono presenti nel siero anticorpi irregolari a specificità anti- D+C titolo anti D 1/4 anti C 1/2. Mi è stato detto che per ora i valori sono molto bassi ma che sono da
tenere controllati, vorrei sapere quali sono i valori da ritenersi preoccupanti e
a quali conseguenze sta andando incontro il mio bambino. Grazie per la sua risposta.

Il titolo critico per gli anticorpi anti D e anti C è considerato 1:16, ma
ogni centro ha i suoi valori di riferimento e quindi potrebbe variare. Deve
farsi seguire attentamente da un centro di riferimento per la diagnosi e
cura della isoimmunizzazione. In questo modo, in caso di un aumento del
titolo potrà eseguire esami specifici, come la funicolocentesi, per
verificare l'anemia del feto e per intervenire con emotrasfusioni in utero
prima che abbiano a verificarsi dei danni. Ma se il titolo si mantiene
stabilmente su valori bassi, è possibile che non sarà necessario nulla di
tutto questo. Cordiali saluti e auguri.