Ho contratto la quinta malattia!

Gentile dottore, sono in gravidanza tra l'8 e la 11 settimana. Al momento l'epoca gestazionale è incerta. L'ultima mestruazione l'ho avuta il 23 febbraio, quindi in teoria dovrei essere alla 11ma di dismenorrea in realtà l'11
marzo feci una ecografia durante una normale visita ginecologica e la d.ssa mi disse che c'era un follicolo a metà del ciclo per cui in realtà l'ovulazione pare essere avvenuta più tardi. Ad ogni modo la mia domanda verte su altra questione… ho contratto circa 2-3 settimane fa la quinta malattia senza saperlo... ho ricollegato i sintomi solo quando è comparsa a mio figlio
di 8 anni. Ho fatto il test per la ricerca Antiparvovirus B19 ed hanno dato
esito positivo sia le igG che le Igm. Vorrei quindi sapere se, oltre al rischio di aborto spontaneo (già di per sé alto!) esiste un pericolo di malformazioni al feto e nel caso se queste sono verificabili con esami appositi e quali ed il tipo di affidabilità degli stessi. Gli eventuali esami per la verifica di malformazioni, possono interferire negativamente visti i miei attuali problemi di ipertensione (controllata peraltro farmacologicamente con Alfamet 250g x 2 al dì), di obesità e i miei 38 anni di età. La ringrazio sentitamente per la Sua risposta che spero riuscirà a tranquillizzare sia me che mio marito per questa gravidanza che proprio facile non sembra. Cordialità.

Gentile signora Rita,
purtroppo v'è un rischio di idrope fetale e morte intrauterina (inferiore
al 10%) nella prima metà della gravidanza, mentre è trascurabile nella seconda
metà. Altre anomalie congenite sono state riportate di rado, senza prova
che abbiano una frequenza superiore alla media generale delle malformazioni
congenite. Gli esami ecografici necessari per il monitoraggio del feto non
interferiscono sulla restante patologia, di cui, sfortunatamente, lei è affetta.
Cordiali saluti ed auguri.