Citomegalovirus e persistenza delle IgM