Al bambino arriva poco nutrimento…

Salve, mia moglie è incinta alla 21° settimana, due giorni fa è
stata ricoverata d'urgenza all'ospedale perché dall'ecografia è risultato che
il bambino è più piccolo del normale (pare di circa due settimane) accertato dalle ecografie precedenti che il giorno di concepimento risulta quello previsto, è scattato l'allarme. Le è stata fatta la flussimetria ed è risultato che arriva poco nutrimento al bambino, i medici non l'hanno tranquillizzata per niente (anzi!) dicono che un
caso del genere alla 21° settimana non era mai accaduto. Poi c'è la decisione da prendere sull'amniocentesi che non avevamo fatto prima (lei ha 28 anni) e se fatta adesso avrebbe un'altissima percentuale
di rischio. Siamo disperati anche perché i medici non danno molte speranze di
riuscita. Le sarei molto grato se potesse darmi qualche chiarimento, la saluto cordialmente.

Non mi risulta che l'amniocentesi eseguita alla 21a settimana abbia
un'altissima percentuale di rischio, anzi. Forse le difficoltà cui si
riferiscono i colleghi sono dovute all'oligoamnios (poco liquido) che in
genere complica queste gravidanze con insufficienza fetoplacentare così
precoce. Le suggerisco di non farsi prendere dall'ansia e di procedere
senz'altro a tutti gli accertamenti che le suggeriranno. È ovvio che dovrà
firmare dei consensi informati in cui le verranno spiegati soprattutto i
rischi e poi i benefici, ma si sa, la legge vuole così! Incroci le dita e
vada avanti: se c'è un problema serio, va riconosciuto, affrontato e
risolto. Inutile allarmarsi prima. In bocca al lupo.