Sangue occulto nelle feci

Sangue occulto nelle feci

Che cos’è

Ricerca la presenza di sangue (non visibile ad occhio nudo) nelle feci.

A cosa serve

La ricerca del sangue occulto nelle feci è un esame che andrebbe effettuato ogni anno, da uomini e donne, a partire dai 45 anni allo scopo di individuare precocemente la presenza di un tumore intestinale. Il sangue occulto nelle feci va eseguito per evidenziare un’eventuale perdita di sangue, a carico dell’apparato gastro-intestinale. Quando i valori sono positivi, il paziente potrebbe essere affetto da ulcera duodenale e/o gastrica, varici esofagee, carcinoma dell’apparato gastro-intestinale, polipi dell’apparato gastro-intestinale, colite ulcerosa. Possono verificarsi falsi positivi a causa di una dieta non corretta o di mestruazioni.

Come si svolge l’esame

La ricerca si effettua su un campione di feci del mattino, raccolte in un apposito contenitore. Nei tre giorni precedenti l’esame il paziente dovrebbe osservare una dieta priva di carne, pollame, barbabietole, pesce, brodo, banane, ravanelli e tutti gli alimenti contenenti ferro ed evitare di prendere farmaci antinfiammatori (che potrebbero danneggiare la mucosa dello stomaco, con conseguente fuoriuscita di sangue) e spazzolare i denti con delicatezza, per evitare di provocare la fuoriuscita di sangue dalle gengive. Con i test di ultima generazione non è più necessario effettuare una particolare dieta alimentare, in quanto si evidenzia direttamente l’emoglobina umana. Vanno raccolti tre campioni di feci in tre diversi giorni.

Risultati

I valori sono normali quando vi è assenza di sangue occulto.