01/11/2014
Registrati alle settimane di gravidanza

Proteina C Reattiva

A cura del Dott. Giovanni Buonsanti
Biologo e Specialista in Genetica Applicata


PCR (proteina C reattiva)

Generalità

La proteina C reattiva (PCR) viene prodotta tutte le volte che scatena la risposta del nostro sistema immunitario; infezioni, neoplasie, lesioni di tessuti ed in generale tutti i processi infiammatori determinano un'attivazione della PCR e di altre proteine come la alfa-1-glicoproteina acida e le proteine del complemento C3 e C4. La risposta della PCR è tuttavia assai utile dal momento che di solito precede i sintomi clinici (inclusa la febbre) e presenta un'emivita molto ridotta, per cui si abbassa immediatamente durante la guarigione.


Per questa sua caratteristica la PCR viene utilizzata anche nel monitoraggio e sulla prognosi di una patologia a base infiammatoria; ad esempio per stabilire l'avvenuta guarigione dopo un intervento chirurgico o al contrario per stabilire l'esistenza di un'infezione in corso.


Esami di laboratorio

L'esame di laboratorio si effettua con un semplice prelievo di sangue a digiuno, ed i valori normali sono generalmente compresi tra 0 e 5 mg/L. Livelli molto alti (mille volte più alti del valore normale massimo) si osservano in genere in caso di situazioni gravi come l'infarto del miocardio, un trauma esteso, interventi chirurgici e tumori.


Al contrario, valori moderatamente elevati si osservano in genere in tutti i processi infiammatori, in caso di infezioni batteriche comuni e stati flogistici.


* Le schede degli esami sono estratte dal Volume:

"Guida agli esami di laboratorio durante la gravidanza"

Per acquistare il volume completo cliccare qui


Indice della rubrica