Esame parassitologico delle feci

Come si effettua l'esame delle feci volto a rilevare la presenza di parassiti.
Esame parassitologico delle feci

In collaborazione con Terzaeta.com

Esame parassitologico delle feci: Che cos’è

L’esame coproparassitologico viene eseguito per individuare nelle feci l’eventuale presenza di parassiti.

A cosa serve

Serve a scoprire nelle feci l’eventuale presenza di parassiti (larve o uova), tra cui l’ascaris lumbricoides, la tenia, la filaria. L’esame coproparassitologico viene prescritto quando il medico sospetta che determinati sintomi (diarrea, febbre, dolori addominali) possono essere segnale di infestazione parassitaria (Tenia, Ascaride, Ossiuro, Guardia, ecc.).

Come si svolge l’esame

La persona deve limitarsi a raccogliere una piccola quantità di feci con un’apposita spatolina e quindi deve porla in un contenitore che viene fornito, insieme alla spatolina, dal laboratorio che effettua l’analisi. Il contenitore può anche essere acquistato in farmacia. In laboratorio le feci vengono trattate in modo particolare, al fine di concentrare i parassiti.

Risultati

L’esame deve essere negativo.