featured image

Colesterolo

A cura del Dott. Giovanni Buonsanti Biologo e Specialista in Genetica Applicata

Colesterolo (totale, HDL, LDL): Generalità

Il colesterolo presente in circolo è per tre quarti di origine endogena e per un quarto proveniente dall’assunzione alimentare; il colesterolo endogeno viene biosintetizzato in molti tessuti, ma principalmente nel fegato e nella parete intestinale. Incrementi nei livelli di colesterolo rappresentano un importante fattore di rischio cardiovascolare, specie se associati a ipertensione, sovrappeso ed altri fattori di rischio.

Il colesterolo viene utilizzato come “materia prima” per la costruzione delle membrane che avvolgono le cellule, quindi durante la gravidanza è del tutto normale un incremento anche sensibile dei livelli di colesterolo totale.

Esami di laboratorio

L’esame di laboratorio si effettua con un semplice prelievo di sangue a digiuno, ed i valori riscontrati non dovrebbero superare i 200 ml/dl. Valori particolarmente bassi si possono riscontrare in caso di gravi patologie del fegato e, più frequentemente, in caso di ipertiroidismo. Valori più elevati indicano invece un dis-metabolismo lipidico, alla cui base può esserci un’alimentazione sbilanciata oppure alcune condizioni patologiche come l’ipotiroidismo, la sindrome nefrosica, il diabete. Anche l’equilibrio ormonale, l’età, il sesso e la gravidanza sono fattori che influiscono sui livelli di colesterolo. Secondo l’Istituto Superiore di Sanità più un italiano su due ha livelli di colesterolo più elevati rispetto ai valori consigliati: il 35% circa si trova in una condizione cosiddetta ‘border-line’, con valori compresi tra 200 e 239, mentre il 25% circa ha un valore uguale o superiore a 240 mg/dl.

Esiste anche una forma congenita di ipercolesterolemia, l’ipercolesterolemia familare (FH). I soggetti portatori di FH hanno elevati livelli di colesterolo pur osservando una dieta molto povera di grassi: si tratta di una condizione ereditaria cosiddetta ‘autosomica dominante’; in pratica i portatori, che si caratterizzano per avere livelli di colesterolo compresi tra 220 e 500 mg/dl, hanno una probabilità  su due di trasmettere la malattia ai loro figli, a prescindere dal sesso dei nascituri. Se entrambi i genitori sono portatori di IF esiste la probabilità  (del 25% circa) che il nascituro sia affetto dalla forma omozigote, particolarmente grave se non curata, in cui i livelli di colesterolo possono raggiungere anche i 1.000 mg/dl.

Le HDL (High Density Lipoproteins) sono lipoproteine deputate al trasporto del colesterolo dalle cellule verso il fegato, dove viene trasformato in acidi biliari per l’espulsione finale attraverso le vie digestive; si tratta di molecole addette quindi allo smaltimento del colesterolo e quindi svolgono un ruolo protettivo nei confronti delle malattie cardiovascolari, contrastando l’accumulo di colesterolo; il colesterolo HDL svolge questo ruolo se presente in concentrazioni piuttosto elevate, generalmente superiori a 35-40 mg/dl.

Le LDL (Low Density Lipoproteins) vengono sintetizzate dal fegato a partire dalle VLDL (Very Low Density Lipoproteins) ricche di trigliceridi; elevati valori di colesterolo LDL nel sangue (che generalmente è ritenuto normale quando inferiore a 130 mg/dl), sono fortemente associati ad incremento del rischio cardiovascolare.

_____________________________________

* Le schede degli esami sono estratte dal Volume:

“Guida agli esami di laboratorio durante la gravidanza”

copertina_buonsanti

Per acquistare il volume completo cliccare qui

 

condivisioni & piace a mamme