featured image

Dott.ssa Sara Lanzini

Psicologa perinatale, libera professionista e consulente psicologa presso la Patologia Neonatale e l’Ostetricia dell’Ospedale San Raffaele di Milano

FORMAZIONE

2017: Corso di Perfezionamento in Psicologia Clinica Perinatale presso l’Università degli Studi di Brescia
2016 – 2017: Corsi in ambito perinatale: accompagnamento alla nascita per coppie, aspetti psico-sociali del lutto perinatale, sostegno e supporto nell’infertilità di coppia, sonno infantile, racconto del parto.
2016: Iscrizione all’Albo degli Psicologi della regione Lombardia n.18894
2016: Abilitazione all’esercizio della professione presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca
2016: Corso di Massaggio Neonatale Bio-Energetico Dolce
2015: Master in Fisiologia e Psicologia Perinatale con APL, Psicologi della Lombardia
2015: Laurea Specialistica in Psicologia dello Sviluppo e dei Processi Educativi conseguita presso la Facoltà di Psicologia dell’Università degli studi di Milano-Bicocca
2012: Laurea triennale in Scienze e Tecniche Psicologiche conseguita presso la Facoltà di Psicologia dell’Università degli studi di Milano-Bicocca

ESPERIENZE PROFESSIONALI

2017 – in corso: autrice di articoli di psicologia perinatale per il Blog Genitore si Diventa
2017 –in corso: consulente psicologa presso la Patologia Neonatale e l’Ostetricia dell’Ospedale San Raffaele di Milano.
2017 – in corso: psicologa presso il Day Hospital della Clinica pediatrica De Marchi di Milano
Tirocinio formativo presso il reparto di pediatria dell’ospedale San Raffaele di Milano e presso ARP (Associazione Ricerca in Psicologia)
Socia dell’Associazione Scientifica italiana di Psicologia Perinatale (ASIPP)

RECAPITI:

Centro Medico Sempione, via F. Melzi d’Eril 26, Milano.
Tel: 02 3313059. Cell: +39 3405227068
e-mail: [email protected]: www.lanzinisara.wixsite.com/psicologa

Leggi tutto il cv

Medico Risponde - Psicologia

Gravidanza al 5 mese, è possibile abortire?

Salve, ho una domanda... ho scoperto di essere incinta ma fino a un mese fa avevo il ciclo, ma dalle beta risulto essere al 5 mese di gravidanza. Non credo che sia una cosa legale nè fattibile, ma posso indurre il parto o abortire?! Non lavoro e avevo problemi di allergie, ho assunto cortisone e non pensando di essere incinta non ho avuto nessun tipo di accortezza. Grazie

Medico Risponde - Psicologia

Ho sognato di abortire!

Buongiorno, sono incinta di 12 settimane (11+3). Ammetto che fin da quando ho saputo di essere incinta ho subito avuto paura di poter abortire spontaneamente. Un mese e mezzo fa sono iniziati dei problemi con il mio compagno perchè avevamo fatto la richiesta di registrazione all'anagrafe come coppia di fatto per poter avere pressappoco i diritti delle coppie sposate. Aspettavamo l'arrivo del vigile per la verifica, ma per motivi lavorativi lui ha cominciato a tornare a casa solo una volta a settimana, quindi la prima volta che il vigile è arrivato non ha potuto confermare la nostra richiesta. Dopo due giorni comunque il vigile ha trovato in casa anche il mio compagno e ha confermato la nostra dichiarazione.Pochi giorni dopo, circa una settimana fa, tra il mio compagno e i genitori c'è stata una discussione in merito all'alloggio di famiglia nel quale ho lavorato anche io e dove lavorava anche lui fino a quel momento: non contento dello stipendio che prendeva (devo ammettere con tutta onestà che era veramente basso) e degli orari folli che aveva nell'ultimo periodo, domenica ha scelto di tornare a casa e licenziarsi, quindi ha spento il cellulare per due giorni e i suoi genitori hanno contattato me nella speranza di poter parlare con lui e avere delle spiegazioni peraltro già date. Esasperato dal mio coinvolgimento, lui ha contattato i genitori spiegando che lo stipendio non è sufficiente per mantenere la sua famiglia oltre che non essere un vero e proprio stipendio e quindi ha spiegato che per il suo bene e mio e del bambino dovevano cercare un'altra persona perché lui non sarebbe più andato. Da quel giorno i suoi genitori ce l'hanno a morte, ma lui sembra non fare una piega. Detto questo, una settimana fa circa ho fatto l'ecografia del primo trimestre e la paura di perdere il bambino era diminuita, ma è ritornata come prima dopo il sogno di stanotte: ho sognato di recarmi in bagno e di trovarmi il salvaslip pieno di sangue e di aver abortito. Ho paura sia un sogno premonitore. Secondo Lei è così oppure si tratta della mia paura di perderlo aggiunta a questi giorni di stress per i vari avvenimenti?

Medico Risponde - Psicologia

"Si può superare il dolore di un aborto?"

Buongiorno dottoressa,mi chiamo Daniela, ho 36 anni, da tre provo ad avere un bambino, nell'ultimo anno ne ho persi 3/4.Ho fatto tre raschiamenti, e 1 gravidanza extrauterina che si è conclusa con il ciclo.Che io sappia, il primo non conosco il motivo, ma probabilmente in quel periodo lavoravo troppo, ero stravolta e avrei dovuto fermarmi, ma ho sottovalutato la cosa ed è andata malissimo.Il secondo l'ho perso perchè l'ovulo è stato fecondato da 2 spermatozoi e aveva il doppio dei cromosomi (caso rarissimo, a quanto pare), il terzo il ginecologo mi ha detto che l'embrione probabilmente era vecchio (l'età)... panico!!!!!!!!!Ho sempre cercato di reagire dandomi speranza da sola, dal momento che tutti gli esami di coppia vanno bene e non ci sono problemi.Ci stiamo riprovando, ma non rimango incinta di nuovo... ho mollato il lavoro per essere più tranquilla, mi sono iscritta a nuoto per rimettermi in forma, ma la mia testa è sempre lì, il primo pensiero della giornata e l'ultimo... ma adesso sto crollando, piango spesso, in continuazione, quando non mi vede nessuno, appena sitocca l'argomento, o solo mi basta vedere una pubblicità per neonati... e ogni volta che esco e vedo un bambino mi assale il magone.Sto perdendo interesse per tutto, non ho voglia di niente... non nego di aver pensato a… a cose peggiori… sono disperata… non riesco a farmene una ragione... mi sento inutile e mi sembra che la mia vita sia inutile.Inizialmente la fede in Dio mi ha aiutata, poi l'ho persa... e adesso non lo so, non so più a cosa aggrapparmi, prego in continuazione…Siamo una coppia unita e ci amiamo, ma stiamo vivendo entrambi momenti difficilissimi... l'unica cosa che so che mi potrebbe tirar fuori da tutto ciò ha una sola risposta: un bambino! Ma se non dovesse accadere ... mi sembra di impazzire dal dolore e dalla disperazione, so che bisogna metabolizzare il lutto prenatale, ma stoimpazzendo dal dolore... aiuto...Come uscirne?! Non posso prendere farmaci perchè sto provando a rimanere incinta... forse è solo uno sfogo, forse ho bisogno di sentire delle parole da una persona competente e preparata che mi dia un consiglio o una parola di conforto.La ringrazio per l'attenzione.Cordiali saluti