featured image

Dott. Simone Rofena

Nato ad Ancona il 09/08/1974, laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università Statale di Milano con il punteggio di 110/110 e lode.
Specializzato in Ostetricia e Ginecologia e Fisiopatologia della Riproduzione Umana.
Diverse pubblicazioni su riviste nazionali ed internazionali in ambito riproduttivo, attualmente Dirigente medico presso l’Unità Operativa Complessa di Andrologia e Ginecologia Riproduttiva dell’Ospedale San Paolo di Milano diretta dal Prof. Giovanni Maria Colpi

Da circa 10 anni la sua attività è prevalentemente rivolta alla diagnosi, terapia e ricerca scientifica in materia di infertilità di coppia e procreazione medico-assistita.

Per appuntamenti contattare:

Ospedale San Paolo di Milano
Via A. Rudinì, 8 – 20142 – Milano
numero dedicato 02.8184-4141

oppure

Lodovica Medical Center
Via Rontgen 14 – Milano (Zona Università Bocconi)
Tel. 02-58303572

Leggi tutto il cv

Medico Risponde - Infettivologo

Potrò avere un figlio anche se ho ricadute da candida...?

Egregio Dottore,ho 28 anni e con mio marito stiamo cercando di mettere al mondo un bimbo. Sennonché da un po’ di mesi soffro di candida. A Maggio ero andata dal mio ginecologo che mi ha prescritto una cura la quale ha dato esiti positivi e infatti per due mesi non ho più avuto disturbi. Ora però ci risiamo... penso si sia ripresentata perché ho bruciori esterni, come se avessi una ferita aperta; ad ora non ho ancora perdite giallastre, ma mi brucia tantissimo e stento a star seduta. Magari non è candida ma un'altra forma di vaginite. A giorni farò un tampone vaginale ed endocervicale, tuttavia quello che vorrei chiederle è questo: riuscirò mai a risolvere questi problemi che mi tolgono anche la serenità e a concepire un figlio oppure queste ricadute riducono la fertilità? Non ci sono cure più risolutive per questo problema? A parte questo ho eseguito tutti gli altri esami preconcezionali e risultano a posto anche da un Vostro precedente riscontro.Spero di trovare un po’ di serenità perché anche quella incide su una gravidanza, ma quando ho visto questa ricaduta mi sono demoralizzata. In attesa di una Sua cortese risposta, la saluto cordialmente.

Medico Risponde - Infettivologo

Gardnrella

Buonasera, sono una ragazza di 28 anni, ho rapporti liberi da due annialla ricerca di una gravidanza, con mio marito 39 anni.La gravidanza stenta a venire, premetto che, da piccola ho sofferto disturbi alle vie urinarie, e da qualche anno ho sempre perdite di liquido giallastro maleodoranti in prossimità del ciclo. Dai vari tamponi vaginali mi è stata riscontrata la gardnrella che è stata debellata dopo cure antibiotiche, mentre le perdite persistono. Due domande: La gardnerella o queste forme di perdite di liquido giallastro, possono essere debellate definitivamente, con qualche cura?Queste infezioni precludono una gravidanza? Grazie mille del Vs gentile riscontro.

Medico Risponde - Infettivologo

Rosolia IGM Dubbia

Salve, vorrei chiarimenti per quanto riguarda la rosolia IGM Dubbia. Mia moglie 2 anni fa ha eseguito gli esami di routine per rosolia in quanto in stato interessante, primo risultato anticorpi alti IGM positiva, ripetuto il test anticorpi alti IGM dubbia, al escondo mese ebbe un aborto spontaneo. A distanza di un 2 anni, decidiamo di avere ancora un figlio, esami di routine e stesso risultato, anticorpi alti e IGM dubbia per quanto riguarda la rosolia. Purtroppo mia moglie ha dovuto eseguire un aborto terapeutico dato da una patologia cromosomica dopo esame amniocentesi.Ora ci chiediamo se tutto può essere dato da questo dato di rosolia dubbia, i medici dicono che essendo gli anticorpi cosi alti il fatto che le IGM siano dubbie non significano nulla,non vale la pena di fare esami più approfonditi? e quali per esempio? Vorremmo avere un'altro figlio ma tutto questo ci preoccupa un poco.Grazie per la disponibilitàSaluti

Medico Risponde - Infettivologo

La scarsa igiene dell'ambiente dove abitavo può aver causato l’infezione?

Salve, sono una donna di 34 anni alla ricerca del primo figlio da ormai due anni.Da un'indagine laparoscopica hanno scoperto che il mio addome è pieno di aderenze, e durante quell'intervento hanno staccato la vescica dall'utero, mentre sono rimasti attaccati utero con tube e ovaie. Diagnosi: sterilità tubarica, ora dovrò fare la Fivet. La tuba sinistra risulta impervia, quella destra molto aumentata di volume e morfologicamente danneggiata, anche se pervia.Io a questo punto vorrei solo sapere quale è stata la causa di queste aderenze.Ho avuto un intervento di appendicite 12 anni fa, e l'anno seguente ho avuto una forte cistite, con bruciori ad urinare, perdite giallastre. La cistite non l'ho curata e nel giro di una settimana è passata da sola. Ricordo che in quel periodo, per motivi di lavoro, soggiornavo in un ambiente malsano (uno scantinato), insieme ad altre ragazze. La scarsa igiene dell'ambiente dove abitavo può aver causato questa infezione? Io all'epoca ero fidanzata da 3 anni ed avevo rapporti solo con quel ragazzo.Che indagine posso fare per sapere quale infezione mi ha devastato le tube?Anche se sembra assurdo, sapere la causa della mia infertilità, mi fa accettare il fatto di dovermi sottoporre alla Fivet.Grazie infinite

Medico Risponde - Infettivologo

Brufolo o condiloma?

Caro dottore, da un paio di mesi mi sono accorta di avere una sorta di brufolo nella zona perianale che si è sviluppata durante la mia seconda gravidanza. Adesso ho il sospetto che sia un condiloma, però fino all'anno scorso nel pap test era tutto in regola, così come il tampone fatto durante la gravidanza. Secondo lei i miei timori sono fondati? Oltretutto né io nè mio marito abbiamo rapporti extraconiugali e non abbiamo mai manifestato alcun sintomo. Posso averlo preso durante una visita ginecologica o altro? La prego, mi tranquillizzi! Distinti saluti