featured image

Dott. Nico Comparato

Ecografia color doppler multidisciplinare
Specialista in Medicina Interna
Docente S.I.U.M.B. (Società Italiana Ultrasuoni in Medicina e Biologia)

Nato a Taranto il 07/07/1956 e vissuto a Pisa, laureato in Medicina e Chirurgia, con il massimo dei voti (16/06/83) e specializzato in Medicina Interna (10/07/89) presso la Università degli Studi di Pisa (Italia).

Impegnato nella ricerca scientifica nazionale ed internazionale ed autore di pubblicazioni scientifiche, ecografista dal 1984 (privilegiando oltre al settore strettamente internistico-ginecologico anche quello ostetrico di terzo livello), epoca quasi pioneristica in cui nelle salette ecografiche coesistevano ecografi real time, con i più antichi compound. Si innamorò dell'ecografia quando, appena laureato, si accorse di come gli ecografisti fossero in un certo senso “privilegiati” in quanto riuscivano spesso ad ottenere diagnosi corrette ed inaccessibili utilizzando i normali presidi clinici e semeiologici, senza nuocere al paziente.

Già Docente S.I.U.M.B (Società Italiana di Ultrasuoni in Medicina e Biologia dal 2005 al 2007).

Attualmente dirige l'ECHOCENTER – centro di diagnostica di ecografica multidisciplinare avanzata, di consulenza internistica e di Pedagogia Clinica – in Matera, ed è ricercatore per progetti di ricerca nel campo degli ultrasuoni in diagnostica medica.

1983: Laurea in Medicina e Chirurgia conseguita presso l’Università degli Studi di Pisa

1984: Diploma in Colposcopia e Patologia cervico vaginale

1989: Specializzazione in Medicina Interna presso l’Università degli Studi di Pisa

1985: Perfezionamento in Diagnostica con Ultrasuoni in Chirurgia conseguita presso l’Università degli Studi di Pisa

1986: Perfezionamento in Diagnostica Ultrasonografica in ostetricia e Ginecologica presso la I Clinica Ostetrica e Ginecologica dell’Università di Bari

1986: Corso di aggiornamento in oncologia con esame finale in I tumori della mammella – Lega italiana contro i Tumori – Pisa

1990: Diploma Nazionale in Ecografia Clinica

2001: Corso residenziale di ecografia interventistica ed intraoperatoria con conseguimento delle competenze in diagnostica ed ecointerventistica della tiroide

2004: Coordinatore attività pratica del “Seminario itinerante della patologia del collo”

2004: Corso SIEOG – Ecografia Ostetrica – Ginecologica – Translucenza Nucale

ESPERIENZE PROFESSIONALI

  • 1983-1985: Centro Di Diabetologia e Malattie Del Ricambio ed Endocrinologia Sperimentale – Clinica Medica II – Università Degli Studi di Pisa
  • 1985-1986: Tirocinio annuale citologia cervico-vaginale presso l'Istituto di Anatomia Patologica della Università degli Studi di Pisa
  • 1988-1989: Ginecologia Preventiva Ospedale di Matera
  • 1985: Lavora come Ecografista ed Internista presso il suo studio di Matera
  • Dal 2001: Direttore di Echocenter, centro di ecografia multidisciplinare avanzata
  • Dal 2004: Docenza Scuola Avanzata SIUMB (Società Italiana Ultrasuoni in Medicina e Biologia) di Ecografia Interventistica ed Intraoperatoria (coordinatore Prof. Stefano Spiezia).

ORGANIZZAZIONI

  • 1985-1986: Socio della Società Italiana di Colposcopia e Patologia Cervico-Vaginale
  • 1990-1991: Socio S.I.U.I. (Società Italiana di Ultrasonologia Internistica)
  • Dal 1990-1992 e dal 1998-2004: Socio S.I.U.M.B. (Società Italiana di Ultrasolonologia in Medicina e Biologia)
  • 1986-1990 e 2002-2004 Socio S.E.O.G (Società Ecografia Ostetrico Ginecologica)

PUBBLICAZIONI

  • 1) “Utilità dell'ecografia transvaginale nello studio dei dermoidi ovarici : caratteristiche semeiologiche.
    D.M. Comparato, Stella,Talarico,Gaudio,Giusti.
    Giornale Italiano di Ultrasonologia: 1:3;1990,pag 193.
  • 2) “Sindrome bradicardia-tachicardia “fetal variant” in feti sani: ipotesi o realtà clinica?
    D.M. Comparato, P. Di Luigi, V. Ramundo.
    Giornale Italiano di Ultrasonologia Vol. 7, n°3, 161, 1996.
  • 3) “Diagnosi ecografica di angioma polipoide delle corde vocali: caso clinico.
    D.M Comparato, P. Di Luigi, F. Bernaudo, V. Ramundo.
    Giornale Italiano di Ultrasonologia Vol. 7, n°3, 188-189, 1996.
  • 4) “Importanza della valutazione doppler dell'arteria tiroidea inferiore per la diagnosi di tiroidite acuta-subacuta.
    D.M Comparato, C. Fadda, V. Ramundo.
    Giornale Italiano di Ultrasonologia Vol. 7, n°3, 189, 1996.
  • 5) “Trombosi della vena piccola safena simulante una cisti di Baker complicata: criteri di diagnosi differenziale ecografici e color doppler.
    D.M Comparato, E. Del Guercio, V. Ramundo.
    Giornale Italiano di Ultrasonologia Vol. 6, n°3, 173, 1995.
  • 6) “Ecografia ad alta risoluzione della laringe: studio bidimensionale, color-doppler e doppler.
    D.M Comparato, P. Di Luigi,V. Ramundo.
    Giornale Italiano di Ultrasonologia Vol. 6, n°3, 173, 1995.
  • 7) “Diagnosi precoce di gravidanza extrauterina con ecografia transvaginale: nostra esperienza.
    Comparato D, Stella SM, Cini G, Galetta F, Giusti C.
    Atti V Congresso Nazionale SIUMB, Riccione,17-18 Sett 1992.Giornale Italiano di Ultrasonologia Vol 3, n°3, 1992:142-143. Vedi anche: Italian Current Radiology n. 1/1995.
  • 8) “Ipoplasia del cuore sinistro in trisomia 18:diagnosi prenatale con ultrasuoni.
    Comparato D, Stella SM, Galetta F, Cini G, Giusti C.
    Atti V Congresso Nazionale SIUMB, Riccione,17-18 Sett 1992. Giornale Italiano di Ultrasonologia vol 3, n°3, 1992:142-143.
    Vedi anche: Italian Current Radiology n. 1/995.
  • 9) “Inaffidabilità degli standards ecografici nella diagnosi precoce della stenosi ipertrofica del piloro: nuovi criteri.
    V. Ramundo, P. Di Luigi, S. Cerrato, D.M Comparato.
    Giornale Italiano di Ultrasonologia Vol. 6, n°3, 154, 1995.
  • 10) “Studio del Nodulo mammario mediante color doppler e B-mode color.
    V. Ramundo, D.M Comparato, P. Di Luigi, C. Fadda,E. Del Guercio.
    Atti del convegno Nazionale S.I.R.M. -Sezione di Senologia- Napoli, settembre 1995.
  • 11) “Ruolo dell'ecografia nella diagnosi dei piccoli leiomiomi dello stomaco senza l'ausilio del riempimento idrico gastrico: descrizione di un caso clinico.
    Stella, D.M. Comparato, Gaudio, Polloni, Marchi, Tumino, Maltinti, Giusti. Giornale Italiano di Endoscopia Digestiva, nø3/1990.
  • 12) “Rischio di Coagulazione Intravascolare Disseminata (CID) in pazienti sottoposti ad agobiopsia prostatica ecoguidata. Risultati preliminari.
    Stella, D.M. Comparato, Morelli, Evangelisti, Giusti.
    Presentato al 34° Congresso Nazionale SIRMN diTorino 1990. La Radiologia Medica, Suppl.1 al n° 4 (aprile 90), pag 113.
  • 13) “Alterazioni ecografiche renali in pazienti portatori di aneurisma dell'aorta addominale sottorenale,confortate da importanti modificazioni della clearance della creatinina.
    Stella, D.M. Comparato, Giusti.
    Presentato al 34ø Congresso Nazionale SIRMN di Torino 1990. La Radiologia Medica, Suppl.1 al nø4 (aprile 90),pag 114.
  • 14) “Rischio di Coagulazione Intravascolare Disseminata in pazienti sottoposti ad agobiopsia prostatica transperineale ecoguidata con sondatransrettale.
    Stella, D.M. Comparato, Camici, Evangelisti, Morelli, Gaudio, De Negri, Talarico, Giusti.
    La Radiologia Medica 81:297-302,1991.
  • 15) “Alterazioni ecografiche della milza in soggetti con pregressa malaria.
    Stella, Goletti, Talarico, D.M. Comparato, Gaudio, Giusti.
    Giornale Italiano di Ultrasonologia: 1:3;1990,pag163. 1ø PREMIO S.I.U.M.B. (SOCIETA' ITALIANA ULTRASONOLOGIA IN MEDICINA E BIOLOGIA) AL III CONGRESSO NAZIONALE DI ULTRASONOLOGIA (BOLOGNA 1990) PER IL MIGLIOR LAVORO PRESENTATO AL CONGRESSO DA UN GIOVANE RICERCATORE ITALIANO.
  • 16) “Alterazioni ecografiche spleniche nella pregressa malaria.
    Stella, Talarico, Galetta, Goletti, D.M. Comparato, Giusti.
    Giornale Italiano di Ultrasonologia Vol 2,nø1, pagg.22-25,1991.
  • 17) “Dilated veins in the hilum of normal sized spleens-pathologic splenic involvement or increased splenic function.
    Stella, D.M. Comparato, Giunta, Talarico, Giusti.
    6TH World Congress in Ultrasound.1-6 September 1991,Copenhagen.Atti del Congresso.
  • 18) “Head,body,and tail proportion of the pancreas in patients with IDDM-Change with duration of diabetes.
    Stella, Giunta, DiCianni, Benzi, Ciccarone, D.M. Comparato, Navalesi, Giusti.
    6TH World Congress in Ultrasound. 1-6 September 1991, Copenhagen. Atti del Congresso.
  • 19) “Aspetti ecografici del pancreas nel diabete mellito e modificazioni dei rapporti anatomici tra testa,corpo e coda del pancreas in soggetti con diabete tipo I: andamento di tali rapporti con la durata della malattia.
    Stella, Di Cianni, Benzi, D.M. Comparato, Giunta, Giusti.
    Atti IV Congresso Nazionale SIUMB, Roma Novembre 1991. Giornale Italiano di Ultrasonologia: Vol 2,N.3: pag 160. 1991.
  • 20) “Lymph nodes with central hyperechoic line at the porta hepatis in chronic hepatitis: preliminary results.
    Stella, D.M. Comparato, Giusti.
    Ultraschall-Diagnostik '91, Atti Congresso: Lausanne 16-19 Oktober 1991. Ultraschall Klin Prax, 6:124, 1991.
  • 21) “Associazione cisti semplici ed angiomi capillari del fegato in una popolazione di 3000 pazienti studiati con l'ecotomografia: uno studio retrospettivo.
    Stella, Antonelli, D.M. Comparato, Fabbri, Bertolucci, Tintori, Galetta, Giusti.
    Giornale Italiano di Ultrasonologia Vol. 7, n°3, 144, 1996.
  • 22) “Analisi Duplex Doppler dell'arteria epatica comune in pazienti con colecistite acuta.
    Stella, Fabbri, Comparato, Galetta, Bertolucci, Antonelli, Giusti.
    Giornale Italiano di Ultrasonologia Vol. 7, n°3, 152, 1996.
  • 23) “L'ectasia dei vasi arteriosi delle ghiandole salivari sottomandibolari nella diagbosi delle forme lievi di scialoadenite acuta: uno studio eco-Duplex-Doppler.
    Stella, Galetta, Fabbri, Bertolucci, D.M.Comparato, Giusti.
    Giornale Italiano di Ultrasonologia Vol. 7, n°3, 192, 1996.
  • 24) Valutazione di ambedue le ossa nasali in feti alla 11-14 settimana mediante ecografia quadrimensionale: un nuovo approccio. “Circle” e Halloween” sign.
    D.M. Comparato, S. Spiezia, S. M. Stella
  • 25) “Giornale italiano di ecografia 2006″; 9(1): 35 – 42

Contatti

Studio: Salita Guido Dorso, 31/45 – 75100 Matera
Tel e fax: 0835314042

Web: www.dottorecografia.it
Blog: ecografiacomparato.blogspot.com
Twittertwitter.com/dottorecografia

Leggi tutto il cv

Medico Risponde - Ginecologo

Idrope fetale

Salve a tutti voi. Sono alla mia terza gravidanza, fino a 14 settimane tutto andava benissimo. Alla 19 settimana la mia ginecologa trova questo liquido un po’ in tutto il corpo ed anche nella sacca dei polmoni. Domani avrò l'esito dell'amniocentesi e del prelievo del sangue, ma questa attesa mi distrugge, perché i medici sono stupiti del fatto che il mio bambino è superattivo, ha tutto corrispondente alle settimane di gravidanza, scalcia e saltella. Mi chiedo se con un liquido attorno al corpo di 1 cm mio figlio avrà qualche possibilità di salvarsi? Grazie

Medico Risponde - Infettivologo

Fastidio intimo con perdite trasparenti-biancastre

Ho praticamente quasi tutti i giorni delle perdite trasparenti/biancastre inodori e mi da un po' fastidio la cosa. Inoltre, ma più raramente, è capitato che fossero giallastre.Sono andata a fare una visita, ma essendo la prima volta e oltretutto mi è capitato pure uomo, non sono riuscita a spiegargli il problema purtroppo... lui mi ha detto soltanto che era tutto perfetto, ma non é a conoscenza del disturbo.

Medico Risponde - Infettivologo

Toxoplasmosi positiva e avidità alta

Salve dottore,sono incinta e sono alla undicesima settimana.Oggi durante la visita prenatale di gruppo hanno letto i miei esami del sangue e hanno visto che ho già contratto la toxoplasmosi. Infatti ho le Igg positive (a 183,9) e le IgM sempre positive (a 4,88). Mi hanno fatto anche il test di avidità ed è risultato negativo e cito: "Il quadro anticorporale può considerarsi compatibile con esclusione di un’infezione primaria contratta negli ultimi 4 mesi".Il ginecologo mi ha comunque detto di fare accertamenti e ripetere gli esami.Lei cosa ne pensa?Il feto potrebbe essere a rischio?

Medico Risponde - Ginecologo

Antibiotico in gravidanza

Buongiorno,ho scoperto da due giorni di essere incinta, ma purtroppo attraverso gli esami delle urine mi è stata trovata un’infezione alle vie urinarie. Il medico di base mi ha prescritto supracef cefixima per una settimana. Pensa che possa andare bene? Che non ci possano essere complicazioni per il feto, o mi consiglia un’altra cura? La ringrazio.

Medico Risponde - Ginecologo

Continue perdite dopo aborto. Quanto torneranno le mestruazioni?

Il 29 marzo ho scoperto di essere incinta, ma già dal 4 aprile il sogno si è trasformato in incubo. Ho avuto un po’ di perdite di sangue e dopo tre settimane di inferno ho avuto un aborto spontaneo (ero a circa 6 settimane). Il 26 aprile ogni speranza è svanita. Al pronto soccorso mi hanno dato 2 pillole per aiutarmi a pulirmi e il 2 maggio mi hanno detto che ero già a posto. Il 10 maggio ho avuto quella che per me era una mestruazione, anche se dicevano che era impossibile, di fatto verso il 22 maggio ho ovulato (confermato da ecografia del 29 maggio).Durante tutto questo mese ogni 4/5 giorni avevo un po’ di perdite ematiche, ma niente di che.A oggi, in ritardo di 5 giorni dalla data presunta del mestruo, ho delle perdite, ma solo quando mi pulisco, non un vero mestruo. La speranza sarebbe di essere già di nuovo incinta.La domanda è: se quello del 10 maggio non era il primo mestruo, ma comunque ho ovulato, quello di adesso è il mio mestruo o no? Mi spiego.. il primo mestruo dopo l'aborto come'è? Abbondante o quasi assente?Queste non mi sembrano perdite da impianto ma neanche un mestruo...Di solito il mio mestruo dura 3 giorni e non è abbondante. Ora sono 4 giorni di perdite senza neanche sporcare l'assorbente, solo quando mi pulisco, con dei coaguli più scuri (marroni) a volte. È estenuante questa continua perdita di sangue...Da più di un mese non capisco più il mio corpo. Ho bisogno che qualcuno mi aiuti a capire. È mestruo? Quando tornerà tutto normale? Quando potrò riprovare a rimanere incinta?

Medico Risponde - Ginecologo

Assunzione di Norlevo durante presunta ovulazione

Buongiorno dottore, ho una questione che mi preme da giorni. Premetto che io e il mio ragazzo usiamo sempre il preservativo, ma stavolta, presi dalla passione, lo abbiamo fatto senza, visto che li avevamo finiti. Ho avuto l'ultimo ciclo dal 15 al 19 maggio e il rapporto a rischio è avvenuto il 29 maggio sera. Essendo molto regolare (dai 28 ai 30 giorni), in quel giorno sarebbe dovuta avvenire l'ovulazione. Lui dice di essere sicuro di essere uscito in tempo (per ora non pensiamo ai bimbi), ma essendo di natura molto ansiosa, la mattina dopo ho assunto una Norlevo. Il rapporto è avvenuto alle 19.30 circa e la pillola l'ho presa poco dopo le 7. Non ho avuto nausea né diarrea, sono andata di corpo regolarmente verso le 10. Il giorno dopo ho subito accusato gonfiore e dolore al seno, ma delle famose piccole perdite rosse nemmeno una traccia. Ora è qualche giorno che ho pessimi sbalzi d'umore (colpa anche del lavoro), lievi perdite trasparenti e dolorini di pancia simili a quelli del ciclo, che dovrebbe arrivare il 12 secondo l'app del cellulare. La cosa che mi dà più ansia è che lì sotto ero molto più umida del solito, dopo il rapporto: ho pensato che fosse dovuto alla normale lubrificazione, ma il terrore che non sia uscito in tempo senza accorgersene è molto grande. Oltretutto, mi pare di aver capito che se l'ovulazione è già avvenuta, tale pillola non ha effetto. Secondo lei ho qualche probabilità di essere rimasta incinta? Per il test aspetterei almeno di avere un lieve ritardo, sempre se ci sarà, ma per ora l'ansia non fa che aumentare di giorno in giorno! Grazie in anticipo per la risposta.

Medico Risponde - Ginecologo

"Sono incinta, posso andare in moto?"

Buongiorno,sono alla settima settimana di gravidanza. Vorrei sapere se mi è ancora consentito fare una giretto in moto la domenica, come passeggera, con il mio compagno.Si trovano pareri molto discordanti. Il problema sta anche nelle vibrazioni o più che altro nel pericolo di una possibile caduta?Grazie

Medico Risponde - Ginecologo

Cordone ombelicale a due vasi

Salve, ho una domanda da farle riguardo al cordone ombelicale.Sono alla 20* settimana +4 e mercoledì la ginecologa durante la strutturale mi ha detto che la bambina ha il cordone a due vasi anziché tre. Ci ha detto che non ci dobbiamo preoccupare, visto che gli altri valori sono tutti nella norma, compresi i reni e il cuore. Premetto che sono alla 3* gravidanza e ho 43 anni. Mi può dire qualcosa in più? Come può immaginare sono nel panico totale…Tante grazie.

Medico Risponde - Ginecologo

Incompetenza cervicale

Buongiorno,ho 35 anni e purtroppo ho abortito per ben 3 volte.La prima nel 2016 alla 6 settimana quindi essendo la prima gravidanza non mi hanno fatto fare nessun esame per vedere la causa.La seconda volta nel marzo 2017 sono rimasta incinta di nuovo e dopo essere stata a riposo per i primi 3 mesi (a causa del primo aborto) sembrava andasse tutto bene. Alla 19 settimana però, mi hanno riscontrato un\'incompetenza cervicale con funnellig, e sono stata ricoverata per 3 settimane. Ma alla 22 settimana, ho, purtroppo, avuto le contrazioni ed è iniziato il mio travaglio. Ho dato alla luce un bimbo morte. Mi hanno detto che con il cerchiaggio avrei potuto riuscire ad andare avanti con la mia successiva gravidanza.A novembre 2017 sono di nuovo rimasta subito in cinta, e tramite la mia ginecologa, ho aspettato stesa sul letto che arrivasse il momento giusto per fare il cerchiaggio. Subito dopo il cerchiaggio, qualcosa e purtroppo non so cosa è successo e dopo 10 giorni alla visita di controllo hanno constatato che il cuore del bimbo non batteva più.Io non voglio sapere che cosa sia successo alla mia ultima gravidanza, perchè il pensiero che sia andata male l\'operazione è un mio pensiero fisso. Non voglio assolutamente accusare nessuno, perchè io e mio marito siamo talmente disillusi da questo sogno che per ora abbiamo detto "basta".Arrivo alla domanda, e mi scusi se sono stata un po’ prolissa: più in là vorremo riprovarci e siccome sono a dieta adesso volevo sapere se l'incompetenza cervicale potesse essere causata anche da un problema di sovrappeso? Inoltre vorrei capire perchè nella mia seconda gravidanza ho avuto le doglie? Anche perchè poi la dilatazione si era fermata e quindi se un domani il cerchiaggio andasse bene c'è un rischio acuto di avere di nuovo le doglie in un tempo così prematuro?La ringrazio davvero, intanto io ho cambiato la mia ginecologa e la dottoressa nuova mi ha dato parecchi esami da fare.Cordiali saluti

Medico Risponde - Infettivologo

Citomegalovirus e herpes: c'è una correlazione tra i due virus?

Buongiorno dottore,sono alla 35esima settimana di gravidanza e negli ultimi esami del sangue la mia ginecologa mi ha prescritto anche il test anti-CMV. I risultati sono stati Igm 6.75 (igm 14 indica la presenza di anticorpi), quindi, da quello che capisco, ho contratto il virus in passato e ora non ho infezioni.Avevo fatto il medesimo test all'8 settimana (6 dicembre) con igm 5.75 e igg 109 (stessi valori di riferimento); la mia ginecologa al tempo non mi aveva fatto fare avidity test per capire quando avevo contratto il virus (io non lo avevo chiesto perchè neanche sapevo l'esistenza di tale test) e non mi aveva comunicato che è possibile una ri-attivazione del CMV (pertanto è un esame che non mi ha mai più prescritto fino ad ora). Qua le mie domande:- per quanto tempo le igm rimangono positive? Posso star ragionevolmente tranquilla che non ho avuto l'infezione nelle prime 8 settimane di gravidanza?- è possibile che io abbia contratto nuovamente il virus in questi mesi e che ora le igm si siano negativizzate? (attorno a metà febbraio ho avuto un paio di giorni di febbre, forte raffreddore e male alla gola, che è stata archiviata come lieve influenza stagionale) o posso star ragionevolmente tranquilla per la salute del bambino?- che relazione esiste tra CMV ed herpes labiale? A metà novembre (quando ero a 5 settimane di gravidanza, anche se ancora non lo avevo scoperto) ho avuto un herpes labiale (cosa di cui soffro almeno 1 o 2 volte l'anno da quando ho 18 anni), può avere una relazione con i risultati del test CMV dell'8 settimana?Preciso che tutti gli esami ecografici fatti fino ad ora non hanno evidenziato nessuna anomaliaGrazie mille

Medico Risponde - Ginecologo

Ritardo mestruazioni di 62 giorni

Buongiorno, sono una ragazza di 25 anni, il mio ciclo ha saltato il mese di maggio. Anzi, ho avuto dello spotting verso inizio mese e metà mese di maggio. Poi sono stata dalla ginecologa per vedere se era tutto apposto, cosa che mi ha confermato. Mi ha detto di prendere il progefikk ovuli per 5 sere perche diceva che da com'è messo il mio organo sembra che stiano per arrivare.Sono passati 11 giorni da quando ho smesso il progefikk ma niente ancora. ho chiamato la ginecologa e mi ha detto di aspettare 15 giorni e se non arrivano di riprendere il progefikk per 10 giorni e aspettare 15 giorni. La mia domanda è: tutto questo medicinale non mi fa male e non crea problemi in futuro (ho il seno gonfissimo e mi sento molto gonfia sopratutto la mattina appena sveglia)?Mi sto preoccupando anche se so che faccio peggio così. Spero tanto in un vostro chiarimento.

Medico Risponde - Ginecologo

Facendo sesso anale con il ciclo si può rimanere incinta?

Salve,mi è venuto il ciclo. Io e mio marito vogliamo fare sesso anale, volevo sapere se si può rimanere incinta?Grazie

Medico Risponde - Infettivologo

Ureaplasma parvum, se rimanessi incinta, rischio d nuovo anche se mi curo?

Buongiorno, ho avuto un aborto alla 7.ma settimana e dopo 5gg è arrivato il tampone, dove risulto positiva all’Ureaplasma Parvum++.Il mio ginecologo m ha dato cura con Azitromicina 500 mg 2 cps solo un gg (preso dal mio compagno anche), poi fermenti lattici dicloflor elle... Le chiedo, se rimanessi incinta, rischio d nuovo anche se mi curo?

Medico Risponde - Ginecologo

Cranio a segno di limone, devo ripetere la morfologica?

Salve dottore,ho fatto la morfologica a 18+5 ed è risultato tutto ok dopo un grande spavento alla premorfologica (17+5), dove il mio ginecologo aveva evidenziato il cranio a segno di limone. Secondo lei dovrei ripeterla a 22 settimane???Grazie anticipatamente

Medico Risponde - Ginecologo

Erano due gemelli?

Salve! Mi chiamo Gaia e ho partorito un bel maschietto. Durante il travaglio, dopo che mi si sono rotte le acque, l'ostetrica si è accorta che avevo un’altra sacca e difatti poco dopo mi si è rotta anche quella. Non sono stati in grado di dirmi come mai avessi due sacche di liquido amniotico... Ho una domanda che mi tormenta: i bambini dovevano essere due e di uno mi è rimasta solo la sacca?? Come mai mi si sono formate due sacche? Potrebbe essere stato nel corso della gravidanza quando al settimo mese ho perso improvvisamente mio padre? Magari per lo shock??La prego mi dia una risposta. Grazie

Medico Risponde - Ginecologo

Perdite acquose al 5° mese di gravidanza

Gentile Dott.,da qualche giorno ho perdite acquose abbondanti, tali da costringermi a cambiare gli slip. Ho fatto la visita dal mio ginecologo, il quale non ha riscontrato problemi né al bambino, né al sacco amniotico, né al collo dell'utero. Ho usato gli assorbenti specifici per la rilevazione del liquido amniotico e il risultato è stato negativo. Sono a riposo da quando è avvenuto l'evento e, per precauzione sto facendo un'iniezione di progesterone e un ovulo vaginale disinfettante al giorno.Di cosa si tratta secondo Lei? Quali altri esami posso fare? Grazie.

Medico Risponde - Infettivologo

Toxoplasmosi, posso mangiare due fettine di prosciutto crudo?

1 Giu 2018, 13:28Buongiorno,sono a 32 settimane, non sono immune alla toxoplasmosi. Dovessi contrarla in queste settimane quali sarebbero i rischi? Posso permettermi di farmi scappare due fettine di crudo? Grazie

Medico Risponde - Ginecologo

È possibile una gravidanza con le tube chiuse?

Buongiorno. Io e il mio compagno vorremmo avere un bimbo, ma io dopo l'ultima gravidanza ho effettuato la chiusura delle tube. È possibile una soluzione o dobbiamo rinunciare definitivamente?Cordialmente.

Medico Risponde - Ginecologo

Test integrato... ho bisogno di conforto

Buonasera dottore, sono in gravidanza alla 15 settimana+ 5 gg... è la mia 3 gravidanza e ho 37 anni.Mi sono sottoposta su consiglio del mio ginecologo al test integrato. I valori della TN al momento della misurazione era 1,3 mm l'ecografia ha evidenziato l'osso nasale e mi sono sottoposta al primo prelievo... a 14 settimane + 5 gg ho fatto il secondo prelievo e dopo 4 giorni ho ricevuto indicazioni di recarmi in ospedale perché il test è risultato positivo alla sindrome di down 1: 160... quello che mi è stato spiegato è che mentre il resto dei valori era buono il valore ematico hcg era triplicato dal primo al secondo prelievo. Premetto di aver assunto progesterone per un ristagno ematico dalla 5 settimana fino alla 15 settimana compiuta.Cosa può aver sballato così tanto i miei valori ematici? Il ginecologo mi ha spiegato che questo potrebbe essere la causa... che l' ecografia è bella... oggi mi sono sottoposta al test del DNA materno. Ho bisogno di un confronto per capire, può aiutarmi?

Medico Risponde - Ginecologo

"Uso il cerotto anticoncezionale: posso essere incinta lo stesso?"

Buongiorno,uso cerotto anticoncezionale tra 3 anni e per dimenticanza ho messo il primo cerotto di un nuovo ciclo con due giorni di ritardo.Ho avuto rapporti sia i giorni prima sia quelli dopo; è da 4 giorni che ho dolore a seno e capezzoli, stanchezza, dolore e gonfiore addominale e nausea.Ora ho indosso il terzo cerotto e dovrei toglierlo tra 4 giorni, ma stamattina ho fatto test di gravidanza e risulta leggermente positivo.Cosa devo fare? Il cerotto lo tengo o lo tolgo? Può trattarsi di un falso positivo dovuto agli ormoni rilasciati dal cerotto?Grazie