featured image

Dott. Lorenzo Giacchetti

Diploma di Laurea in Medicina e Chirurgia il  22.07.2004 presso la Seconda Università degli Studi di Napoli con Votazione 110/110 e lode, dignità di stampa e plauso della commissione, per la Tesi sperimentale dal titolo “Nuove Prospettive nel Trattamento dell’ Artrite Idiopatica Giovanile”.
Abilitazione all’esercizio professionale presso la Seconda Università degli Studi di Napoli
Iscritto all’albo professionale dei Medici Chirurghi di Varese
Diploma di Specializzazione in Pediatria con lode il 03.11.2009 presso l’ Università degli Studi di Parma.
Corsi di perfezionamento  in Terapia Intensiva Neonatale, Università degli studi di Milano, anno accademico 2010-2011, Fondazione IRCCS Ospedale Maggiore Policlinico Mangiagalli;

Ambiti di approfondimento del corso:

  • Assistenza al neonato a termine e pretermine in condizioni critiche
  • Rianimazione in sala parto
  • Tecniche di assistenza ventilatoria, di supporto cardio-vascolare e metabolico
  • Condizioni fisiopatologiche peculiari dell’età neonatale

Master di perfezionamento

  • Corso di Rianimazione Neonatale della Società Italiana di Neonatologia Società Italiana di Neonatologia, Napoli 23 Giugno 2004
  • Corso teorico-pratico “Il Polmone neonatale e l’assistenza respiratoria” (12 incontri) Ospedale Monaldi, Napoli, Settembre 2004 – Dicembre 2004
  • Corso IRC – SIMEUP “Supporto di base delle funzioni vitali in età pediatrica” Parma, 16.06.2005
  • Corso di Rianimazione Neonatale in Sala Parto Varese, 6-7 Ottobre 2010
  • Corso di Perfezionamento sull’allattamento al seno nell’alimentazione del pretermine in TIN Varese, 15-16-26 Novembre 2010
  • Corso Avanzato di Ventilazione Meccanica del Neonato Azienda Ospedaliera San gerardo di Monza; coordinatore Dott. Tagliabue Como, 28 febbraio – 1 marzo 2011
  • Corso di Perfezionamento in Terapia Intensiva Neonatale ( 70 ore di didattica frontale + 136  ore di attività formativa pratica) Unversità degli Studi di Milano, Ospedale Mangiagalli, anno accademico 2010-2011
  • Corso di Ecografia cerebrale del neonato L’aquila 27-29 Febbraio 2012
  • Corso di ecografia cerebrale (Società Italiana di neonatologia) Roma, 4 Ottobre 2012

ESPERIENZE PROFESSIONALI

Da febbraio 2010 a Gennaio 2013

Ospedale del Ponte, Azienda Ospedaliera, Polo Universitario, Fondazione Macchi, Varese

Incarico come Dirigente Medico di I° livello a tempo determinato  presso l’Unita’ Operativa di Nido, Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale (III livello) dell’Ospedale F. del Ponte di Varese.

Da Febbraio 2013 ad oggi

Ospedale Regionale di Lugano
Capoclinica presso il reparto di pediatria e neonatologia

MEMBERSHIP

  • Società italiana di Pediatria dal 2008 ad oggi
  • Società italiana di Neonatologia dal 2008 ad oggi
  • Dal 2007 facente parte del comitato scientifico della rivista scientifica intitolata “La care in perinatologia

PUBBLICAZIONI

  • Autore del libro “La promozione dell’allattamento al seno” Editeam 2006
  • Autore del Libro “L’Allattamento al seno, come e perché” Editeam 2006
  • Autore del capitolo intitolato “La dermatite atopica” del Libro  “le allergie alimentari nel bambino” Editeam 2007, Editor A.G Ugazio
  • Corso di Rianimazione Neonatale della Società Italiana di Neonatologia Società Italiana di Neonatologia, Napoli 23 Giugno 2004

Contatti

Riceve privatamente in studio a Varese
Tel: 380 7183433
E-mail: [email protected]

Leggi tutto il cv

Medico Risponde - Pediatra

Macchie rosse sul viso e sotto il mento del bimbo

Salve Dottore, sono il papà di un bambino di 4 mesi e 10 giorni che è stato sempre allattato al seno. Dopo l'ultima visita, il pediatra venendo a conoscenza del fatto che il bimbo aumentava solo 100 gr alla settimana ci ha dato un aggiunta di latte artificiale, abbiamo provato H. 1, poi M., ma nessuno sembrava essere di suo gradimento. Abbiamo provato poi P. 1 liquido e ne ha preso poco e gran parte lo cacciava dalla bocca... ad un certo punto sono spuntati sul labbro superiore, sulle guance e sotto al mento delle chiazze rosse. Si tratta di intolleranza al latte? Cosa dovrei fare? Continuare a farlo allattare al seno? Grazie per Suo riscontro. Saluti

Medico Risponde - Pediatra

Bronchite e Bentelan

Gentilissimo Dottore, il mio bimbo di 7 mesi ha contratto la bronchite che stiamo curando con: augmentin, areosol e bentelan. La pediatra gli ha prescritto 4 gg di bentelan da 0,5, 1 compressiva e 1/2. Casualmente ho saputo che il bentelan va tolto a scalare, ma la pediatra non ha fatto alcun accenno a questo. Le premetto che domani lo porterò nuovamente per un controllo e chiederò in proposito... Lei cosa ne pensa? A prescindere dalla risposta della pediatra, cosa mi consiglia di fare? La ringrazio per l'attenzione.

Medico Risponde - Pediatra

La mia bimba cresce bene???

Salve Prof., la mia bimba ha 3 mesi compiuti il 15 ottobre. È nata di 2,790 kg, uscita dall’ospedale pesava 2,550 kg, adesso è 5,100 kg. Allatto e do anche il latte artificiale 130g, vorrei sapere se va bene e se il peso è ok. Mi preoccupo un po’ perché nell’ultimo mese è cresciuta 700g, adesso in una settimana solo 40g... è normale??? È lunga 58 cm alla nascita era 47. Spero in una sua risposta. Grazie anticipatamente

Medico Risponde - Pediatra

Prednisone come preparazione al Parto Cesareo ed effetti sul bambino

Gentile Dottore, vorrei sottoporLe un mio dubbio. A giorni dovrò subire il taglio cesareo per la nascita del bimbo. Poichè sono un soggetto allergico (anche se non ho una storia clinica ben documentata sui medicinali, conosco 2-3 farmaci che mi danno fastidio oltre allergie alimentari), ho sostenuto un colloquio con l'allergologo per la preparazione all'operazione in modo che non si corrano rischi. Il mio dubbio è il seguente: oltre lo Zirtec e la Ranitidina 3 giorni prima da prendere ogni 12 ore, mi ha prescritto il Prednisone. Devo prendere 50 mg (compresse) di prednisone 13 ore prima, 7 ore prima e 1 ora prima del taglio cesareo. Non è troppo alto come dosaggio? Ho paura che tutto questo cortisone faccia male al bambino. La ringrazio anticipatamente per la Sua disponibilità.

Medico Risponde - Pediatra

Stipsi nel neonato di un mese

Buongiorno, il mio bambino di 38 giorni da una settimana ha iniziato a non evacuare regolarmente. Dopo tre giorni la pediatra mi ha suggerito di utilizzare una supposta di glicerina e il bambino ha evacuato. Dopo altri due giorni, dato che non evacuava spontaneamente, gli ho somministrato di nuovo la supposta e ha fatto la cacca. Ma dopo altre 48 ore ancora niente. Gli ho rimesso la supposta ma non è andato di corpo. Sono molto preoccupata. Cresce regolarmente (1 kg in un mese), lo allatto esclusivamente al seno e mangia ogni due ore. Cosa posso fare?

Medico Risponde - Pediatra

Aumento di crescita neonato

Salve Dott. Giacchetti Lorenzo, vorrei chiederLe quanto deve crescere un bimbo di 4 mesi a settimana e quanti pasti di solo latte artificiale deve fare al giorno. La mia bimba prende il latte Humana 1 in polvere e fa 5 pasti da 180 grammi dato che pesa 6050. Ora avendo 4 mesi vorrei passare a 4 pasti al giorno pensando di fare in questo modo: lei ora prende 180 grammi a poppata, vuol dire che nelle 24 ore prende 900 grammi, quindi per fare 4 pasti, lei dovrebbe mangiare a poppata 225 grammi che però per la piccola all'improvviso potrebbero essere troppi, per cui ho pensato di aumentare 10 grammi a poppata ogni 3 giorni, in questo modo le si abituerà piano piano a questo cambiamento senza appesantirla troppo. All'inizio lo so, mangerà un po’ meno, ma nel giro di 15 giorni mi sarò messa alla pari, inoltre La informo che la piccola quando ogni settimana la peso, ancora adesso mi supera tante volte i 200 grammi e penso che ora a 4 mesi e un po’ troppo. Aspetto un Vostro consiglio. Cordiali saluti.

Medico Risponde - Pediatra

Eccessivo calo fisiologico e allattamento

Buongiorno! Premetto che ho fatto una gravidanza splendida e ad aprile è nata una bimba splendida di 3.190 kg, in ospedale mi hanno fatto lavaggio del cervello perché dovevo allattarla al seno, risultato sono finita in pronto soccorso con la bimba che pesava 2.780kg, dopo 3 giorni di glucosata siamo ritornate a casa e la bimba ora sta benissimo. Volevo sapere cosa ha rischiato realmente la mia bimba... non le dico i pianti che ho fatto... e il perché non son riuscita ad allattarla perché ero convinta di farlo, all'uscita dall'ospedale avevo i valori emoglobina molto bassi... e perché insistono talmente per l’ allattamento al seno se poi sono questi i risultati?? In ospedale mi han detto che stavo allattando e di continuar così...