featured image

Avv. Maria Teresa Cristallo

Esperto Risponde - Avvocato

Contratto da stagista e maternità

Salve, sono una ragazza di 25 anni e ho un contratto da stagista dal 14 marzo 2018, fatto per 3 mesi, ma già rinnovato per altri 3 mesi dall'azienda.La responsabile avrebbe voluto farmi direttamente il contratto ma i superiori non hanno voluto, anche se lei spera di farmelo il prima possibile. Adesso ho scoperto di essere incinta. Volevo sapere come comportarmi? L'azienda può licenziarmi?Grazie mille

Esperto Risponde - Avvocato

Interruzione aspettativa e richiesta maternità

Buongiorno,sono impiegata in banca e per motivi familiari ho richiesto nel gennaio 2017 un aspettativa non retribuita convenzionale di un anno, sempre sotto mia richiesta la stessa è stata prorogata di un altro anno (mio rientro gennaio 2019).Sono incinta e ho fatto una richiesta alla mia banca di rientrare (una richiesta informale) e mi è arrivata un diniego e nello specifico mi rispondono che non è possibile interrompere l’aspettativa e che il mio rientro è previsto a gennaio e per art 24 co 2 Dgs n. 151/2001 la lavoratrice che è assente da lavoro senza retribuzione (aspettativa) non ha diritto a percepire l’indennità ex art 22 D lgs 26/2001 n 151.Quindi in poche parole loro mi negano la possibilità di rientrare e sospendere l’aspettativa.Possono farlo? Cosa posso fare?

Esperto Risponde - Avvocato

Gravidanza insegnante di sostegno scuola dell'infanzia

Buongiorno,sono un'insegnante di sostegno alla scuola dell'infanzia. Ho scoperto di essere incinta con data presunta parto il 30/12/2018. La scuola mi ha comunicato che mi farà un cambio di mansione non potendo più restare in classe. Dovrò mantenere l'orario di servizio da insegnante e quindi avere anche i giorni di sospensione dell'attività didattica (per esempio il periodo estivo), oppure dovrò conformarmi all'orario di segreteria?Grazie milleCordiali saluti

Esperto Risponde - Avvocato

Dimissioni con preavviso e possibile gravidanza

Buongiorno,mi servirebbe un consiglio pratico su come muovermi poiché mi trovo in una situazione complicata: entro la fine di maggio presenterò le mie dimissioni volontarie all'azienda (ho un contratto a tempo determinato in sostituzione maternità), ultimo giorno lavorativo 30 giugno.Se prima del 30 giugno io dovessi restare incinta, potrei cambiare qualcosa rispetto a quanto già presentato, o sarebbe troppo tardi per avere diritto almeno alla disoccupazione?Grazie per il suo riscontro.

Esperto Risponde - Avvocato

Maternità durante disoccupazione

Buongiorno Avvocato,a giugno 2016 dovrei entrare in NASPI per 12 mesi. Se rimanessi incinta durante questo periodo, le 5 mensilità di maternità andrebbero ad aggiungersi alle 12 di disoccupazione? Ci sono limiti temporali?Cordiali saluti.

Esperto Risponde - Avvocato

Maternità anticipata con contratto a scadenza

Buongiorno, sono un’infermiera in una clinica con utenti psichiatrici, motivo per cui appena scoperto il mio stato interessante, sono dovuta rimanere a casa ed avviare le pratiche di maternità anticipata in ambiente a rischio. Il problema è che tra 2 mesi mi scade il contratto, cosa succederà, possono non rinnovarlo? In tal caso come percepirei la maternità e fino a quando? Grazie infinite

Esperto Risponde - Avvocato

Maternità con contratto a tempo indeterminato ma 2 mesi a stipendio 0

Buongiorno, io sono educatrice scolastica per ragazzi disabili. Ho un contratto a tempo indeterminato ma ho 2 mesi (luglio e Agosto) a stipendio 0. Se dovessi rimanere incinta a Settembre e la maternità viene calcolata sulla media degli stipendi dei mesi precedenti. Io avrei un’indennità pari a 0? Grazie

Esperto Risponde - Avvocato

Da aspettativa non retribuita a maternità anticipata

Salve! Avevo preso un periodo di aspettativa non retribuita dopo aver superato 6 mesi di malattia, nel frattempo sono rimasta incinta e nonostante abbia chiesto all'azienda di chiudere l'aspettativa non è stato fatto anche se la domanda l'ho fatta al terzo mesi di gravidanza. Quindi ora sono a sei mesi e mezzo di gravidanza e risulto ancora in aspettativa non retribuita, e l'azienda dice che non ho diritto alla maternità anticipata. L'azienda ha presentato domanda anche all'ispettorato del lavoro per lavoro a rischio, e mi è arrivato il provvedimento di astensione al lavoro per mansione non idonea allo stato di gravidanza. Mi è stato comunicato che avendo fatto più di 60 giorni di aspettativa, non ho diritto alla maternità, almeno che rientrasse almeno un giorno a lavorare, oppure l'azienda quella giornata potrebbe mettermi come giorno di ferie per essere un lavoro a rischio, per fare ripartire con l'inps. La mia domanda è: l'azienda può negarmi questa giornata di ferie per far partire la maternità anticipata, o ha l'obbligo di farmi inserire nuovamente all'inps in modo da iniziare a percepire le retribuzioni? Il patronato a cui mi sono rivolta mi ha detto che l'azienda non ha l'obbligo di darmi questa giornata di ferie venendo da un periodo di aspettativa non retribuita. Con questo non avrò diritto alla maternità. Grazie della sua attenzione. Cordiali saluti

Esperto Risponde - Avvocato

Posso andare in maternità obbligatoria anche al nono mese?

Salve, sono al quinto mese di gravidanza. Dal secondo mese ho avuto delle minacce, il ginecologo mi ha dunque messo a casa a rischio. Da un me setto la situazione è migliorata anche se il ginecologo preferisce che io non torni a lavoro a causa del fatto che guido per più di due ore al giorno. Io vivo tra alti e bassi, ma vorrei sapere se dovessi rientrare al sesto mese per andare di nuovo in maternità al settimo allora sarebbe inutile. Se torno posso andare in maternità obbligatoria anche al nono mese? Lo chiedo perché vorrei conservarmi i mesi per dopo il parto. Grazie per le info

Esperto Risponde - Avvocato

Requisiti e calcolo Naspi

Buongiorno, la mia ultima bimba compie un anno il 5 aprile 2016, data entro la quale mi dimetterò da un contratto metalmeccanico a tempo indeterminato. Quest'ultima gravidanza e la precedente sono state senza soluzione di continuità (anticipata, obbligatoria e facoltativa - anticipata di nuovo, obbligatoria e facoltativa) per cui i miei 30 giorni di effettiva presenza al lavoro risalgono al giugno-luglio 2013. È coperto il requisito dei 30 giorni di lavoro effettivo? Per il calcolo Naspi, faccio bene a sommare tutte le retribuzioni, comprese quelle delle varie fasi della maternità, totalizzando così le 52 settimane annuali? All'Inps di zona non hanno dato risposta al mio primo quesito. Al secondo, sono stati vaghi, ma sembrano essere d'accordo sul fatto di sommare tutte le retribuzioni, comprese l'indennità facoltativa, per un totale di 52 settimane contributive annuali. Cordiali saluti e grazie.

Esperto Risponde - Avvocato

Maternità e mini Aspi

Buongiorno, la mia situazione è la seguente: ho lavorato per 6 mesi come commessa con contratto di apprendistato all'età di 18 anni, poi ho studiato all'università e successivamente ho lavorato sempre e solo come stagista, fino al servizio civile, che ho terminato lo scorso ottobre. Adesso mi è stato proposto un contratto al commercio di 2 mesi di prova e poi a tempo determinato di un anno. Siccome sto per compiere 30 anni penso che aspettare il contratto indeterminato sia un'attesa troppo lunga e io ed il mio compagno desideriamo tanto un figlio. Volevo sapere quando potrei iniziare a cercarlo per avere il sussidio di maternità. Nelle Vostre varie risposte ho letto che parlate di requisiti di disoccupazione, quello che ho capito fino ad adesso, sempre che sia così, è che per richiedere la mini aspi occorre aver lavorato per almeno 13 settimane e che il sussidio sarà corrisposto per un periodo pari alla metà delle settimane lavorate durante l'ultimo anno. Esempio: chi è stato occupato per 4 mesi (16 settimane), riceverà l'indennità per 2 mesi (8 settimane). È giusto quello che ho letto? Può spettarmi la maternità o devo aspettare di avere più contributi? Inoltre quando bisogna avvertire il posto di lavoro della gravidanza perchè il periodo venga coperto dal sussidio? Mi scuso per le tante domande ma ho notato che rispondete sempre in maniera molto chiara ed esauriente. Grazie in anticipo,

Esperto Risponde - Avvocato

Possono mandarmi a casa dopo 6 anni di lavoro perchè ho deciso di avere 2 figli?

Buonasera, avrei bisogno di un chiarimento in merito alla posizione lavorativa durante e dopo la gravidanza, ho già una figlia di 3 anni, ho usufruito solo della maternità obbligatoria ed il contratto è quello del commercio, assunta come impiegata amministrativa per 40 ore settimanali, alla nascita chiesi più volte il part time, verbalmente mai fatto nulla di scritto, che non mi hanno concesso, ma mi hanno concesso di fare 32 ore settimanali consumando prima tutte le ferie poi con i permessi non retribuiti. Adesso ho comunicato la seconda gravidanza, sono di 8 settimane, e praticamente mi hanno risposto che questa volta si organizzeranno per sostituirmi in toto durante e dopo la maternità, poichè a livello aziendale il part time non è assolutamente menzionato. Possono farlo? Cioè possono mandarmi a casa dopo 6 anni di lavoro perchè ho deciso di avere 2 figli? Grazie per la risposta. Cordiali saluti

Esperto Risponde - Avvocato

Assunzione a tempo determinato alla fine del settimo mese di gravidanza

Salve, mia moglie è stata assunta al finire del settimo mese di gravidanza con contratto a tempo indeterminato. È valido? Che comunicazione bisogna fare quando un mese prima bisogna andare in maternità obbligatoria? Grazie

Esperto Risponde - Avvocato

Rientro al lavoro con richiesta cambio orario

Buongiorno. Ho 35 anni e ad agosto 2015 é nato il mio secondogenito. Lavoro presso una ditta privata dal 2011 con contratto a tempo indeterminato part-time dalle 08.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 16.00 (orario scritto sul contratto). A metà marzo dopo 3 mesi di maternità facoltativa rientrerò in forza lavoro. La sorella del mio datore di lavoro, che mi ha sostituito durante la mia assenza, vuole che torno a lavorare ma solo al pomeriggio dalle 13.00 alle 17.00 (4 ore lavorate +2 di allattamento). Sono obbligata ad accettare? Loro possono licenziarmi se non dovessi accettare? Grazie

Esperto Risponde - Avvocato

Gravidanza e contratto a tempo determinato!

Salve, il 1 Gennaio 2016 mi è stato prorogato il contratto in un supermercato con scadenza annuale (ovvero il 31/12/2016) ma proprio in quel giorno ho scoperto di essere incinta, poiché mi sono resa conto che negli ultimi giorni di Dicembre 2015 non mi era arrivato il ciclo, sempre avuto regolarmente. Ora le mie domande sono queste: cosa avviene al lavoro durante la mia gravidanza? Senza presunti rischi ed una gravidanza normale, in quale mese potrò andare in maternità? Data la scadenza del contratto fra 12 mesi ma il presunto parto fra 9 mesi, cosa avviene al mio contratto nei 3 mesi successivi al parto? La mia cooperativa, quando mi assunse, mi disse che dopo il contratto annuale sarebbe quasi sicuramente scattato l'indeterminato: ma loro possono licenziarmi a scadenza dei 12 mesi di attuale contratto? Grazie in anticipo per le risposte, purtroppo sono totalmente ignorante in materia.

Esperto Risponde - Avvocato

Maternità durante la scadenza del contratto

Buonasera, vorrei esporre la mia seguente situazione: - In data maggio 2014 sono stata assunta con contratto a progetto, con varie proroghe. La scadenza è prevista per il 31 Dicembre 2015. - Dal 1 Gennaio 2016 sarò assunta a tempo determinato con scadenza il 30 Giugno 2016 (contratto già firmato). - Ad oggi sono incinta di 20+2 settimane, data presunta del parto 7 Maggio 2016. - Tra le clausole del contratto è indicato che il seguente contratto non potrà essere prorogato, ma se tutto andrà bene ci sarà l'assunzione a tempo indeterminato. - Il mio datore di lavoro non è a conoscenza della mia gravidanza, anche perché la sede di lavoro è differente della sede operativa (inoltre sono stata informata che posso non comunicare nulla entro il 7° mese, cosa che farò a fine gennaio 2016). La mia domanda è la seguente: Loro possono decidere di non assumermi se alla scadenza del contratto sono in maternità? Anche se il progetto continua e altre colleghe proseguono con il contratto (sarei l'unica a non essere assunta perché sono in maternità, non si può parlare di discriminazione?)? Se dovessero prendere qualcuno in sostituzione maternità, al 30 Giungo 2016 possono non rinnovare il mio contratto e assumere questa ragazza a tempo determinato/indeterminato? Ringrazio per la disponibilità. Saluti

Esperto Risponde - Avvocato

Quanti mesi devono passare prima di avere diritto alla maternità?

Buona sera, da gennaio 2016 avrò un contratto a tempo indeterminato e vorrei sapere quanti mesi devono passare prima di avere diritto alla maternità. 2 prima di esso io ero un libero professionista con 8 anni di contributi inps. Valgono o fanno somma anche quelli? Posso richiedere l'assegno oppure devo far fronte solo con la maternità dell'assunzione? Grazie mille

Esperto Risponde - Avvocato

Maternità in disoccupazione

Buon pomeriggio, sono alla 5 settimana di gravidanza e ho concluso il mio rapporto di lavoro con licenziamento per giusta causa il 31/10. Ho presentato il 18/11 domanda di disoccupazione naspi. Posso presentare domanda di maternità anticipata?

Esperto Risponde - Avvocato

Appropriazione indebita?????

Buongiorno, scrivo perchè avrei bisogno di alcuni chiarimenti sulla mia situazione. La mia Azienda è in concordato da questa primavera, io a fine giugno sono entrata in maternità obbligatoria, il patronato ha sbagliato a inserire la mia domanda mettendo il pagamento tramite datore di lavoro, ad oggi ho finito il mio periodo di obbligatoria ma non ho percepito niente visto la situazione aziendale. Andando all'Inps ho scoperto però che la ditta ha dichiarato di avermi pagato, facendo quindi il conguaglio o come mi hanno detto a fatto gli Emens. Vorrei capire se c'è la possibilità di vedere ciò che mi spetta, e se si come mi devo comportare?

Esperto Risponde - Avvocato

Contributi insufficienti per accedere alla maternità

Buongiorno. Ho 28 anni e un contratto a progetto con scadenza 31/12/2015 presso una cooperativa sociale di tipo B. Come consigliatomi dai patronati a cui mi sono rivolta, a novembre ho fatto domanda per la maternità. Ora sono già all'ottavo mese e ho appena ricevuto comunicazione dall'INPS in cui vengo avvisata di non avere i 3 mesi di contributi richiesti per accedere alla maternità. Cosa fare ora? So che c'è in tal caso un assegno erogato dai comuni, ma so anche che non bisogna superare un certo reddito... se il mio ISEE fosse troppo alto? Il mio compagno è un dipendente a tempo indeterminato: può eventualmente richiedere lui il congedo di paternità al mio posto dato che io non ne ho diritto? Un'ultima domanda: riguardo il mio contratto, se avessi avuto la maternità so che sarebbe stato automaticamente prorogato per 5 mesi, ma in questo caso? devo quindi considerarmi disoccupata da gennaio? Grazie mille